Monday, 6 June 2011

LASSI full power 24 hour, no toilet, no shower (Anthony Bourdain inside)

Le foto sono, come sempre, proudly done à la cazz de chien.

Tutti gli anni, in questa stagione, l'ambiente intorno a noi subisce svariati cambiamenti, ed insieme ad esso, inevitabilmente cambiamo anche noi.
Non so cosa accada a voi, ma a me succede qualcosa di ben specifico.




Come al lupo mannaro in periodo di luna piena spuntano zanne e peli, a me spunta il minipimer fra le dita.
E non c'è luna calante che possa aiutarmi a tornare normale.

Questo è infatti il famosissimo periodo in cui inizio a diventare insofferente nei confronti di bevande troppo calde: mi prende la scimmia di tutto ciò che è frullabile, centrifugabile, yogurtabile, e compagnia bella.
E sono cavoli per tutti i tipi di frutta, spezie, e yogurt, che mi capitano a tiro!

Come sono caduta nel tunnel?

Anni fa, per una serie di coincidenze, ho conosciuto un principe cuoco che lavorava nel ristorante di un mio amico, e che alla fine, è entrato a far parte del nostro gruppo di nottambuli.
Principe nel suo Paese (non ricordo esattamente di dove fosse, ricordo solo che veniva da un piccolo villaggio, stiamo parlando dell'Asia Centrale) aveva fatto i bagagli ed era partito all'avventura; aveva deciso di girare l'Europa, e di voler diventare un bravo cuoco. Difatti, era un cuoco fenomenale!

Così, una notte, fra una bombardata di decibel e l'altra, il principe mi urla in un orecchio: "Hai mai provato a frullare lo yogurt con un po' di acqua?"
Io, ignara della cosa, gli urlo back: "No?!"
Mi spiega quindi che nel suo Paese è una bevanda molto apprezzata, che aiuta a combattere il caldo, che è buonissima, bla bla bla bla bla bla tunz tunz tunz bla bla bla.

Non stavamo ancora parlando di Lassi ovviamente, lui non era Indiano, però il principe cuoco aveva senza dubbio spianato la mia strada in quella direzione.

In seguito, fra una contaminazione culturale e l'altra mi sono imbattuta nel lassi vero e proprio, inutile dirvi che è stato amore al primo sorso!

Ma cosa ha di speciale questa bevanda?

Beh, innanzitutto potrebbe tranquillamente chiamarsi "lazy" visto che è anche il modo più pigro per avere una bevanda buonissima anche se sprovvisti di minipimer o frullatore (vi basterà infatti mescolare acqua e yogurt con una forchetta o un cucchiaino, ed è fatta!)

Non avete il minipimer e non avete frutta a disposizione? Usate lo yogurt coi pezzi di frutta (barare è bello!) e godetevi questo nettare a sforzo zero.

Fa la sua bella figura se dovete prepararlo in quantità industriale, vi porterà via solo pochissimi minuti! In seguito, potrete bullarvene sul blog, o al bar con gli amici, mentre giocate a poker stringendo un Montecristo Nr 1 fra le dita.

Siete in vacanza e volete stendere una tavolata di rompicoglioni urlanti che improvvisamente ha deciso di autoinvitarsi? Servite il mango lassi a pranzo.
(E no, cancellate quel ghigno dal vostro viso, non è lassativo: per quello esite il lassi al gutalax! Che potremmo battezzare Gutalassi, ma che vi sconsiglio di servire ai vostri ospiti, anche perché il bagno è vostro!)

Suggerisco il mango lassi perché è praticamente un sonnifero naturale; sia il mango che lo yogurt sono alimenti ricchi in triptofano, mescolateli assieme ed avvertirete un senso di calma, sonnolenza, e beatitudine.

E adesso, alla luce dei nuovi scandali calcistici   non viene anche a voi il sospetto che le sostanze somministrate non fossero benzodiazepine, ma gocce di lassi al mango?

Anche la banana è ricca in triptofano, ma il mango funziona decisamente meglio.

Ora, la domanda è d'obbligo: ma io che lo bevo di giorno (e per la precisione nell'arco di tempo in cui sono costantemente rincoglionita, cioè dal mattino fino ad una certa ora del pomeriggio, perché io sono notturna by nature) che faccio???

In generale, e lo sapete anche voi consumatori abituali, col lassi potete veramente sbizzarrirvi.
Potete aggiungere acqua o latte allo yogurt, potete utilizzare le spezie che più vi piacciono, o potete insaporirlo col cumino tostato.
Potete preparare un lassi dolce, o un lassi salato.
Potete addolcirlo, oppure no.
Nelle religioni dharmiche, per esempio, il lassi viene addolcito col miele ed utilizzato durante i riti religiosi (non entrerò nello specifico o viene fuori un trattato di etnomedicina non richiesto, ma appunto, essendo lo yogurt un alimento ricco in triptofano, ed essendo il miele un sedativo naturale, potete immaginare l'importanza del suo ruolo all'interno di determinati riti).

Infine, aggiungendo della curcuma, otterrete un rimedio utilizzato della medicina popolare contro la gastroenterite.

Questa bevanda, conosciuta ormai in tutto il globo, ha subìto contaminazioni creative e territoriali decisamente interessanti. Può capitare infatti che vi venga servito ricoperto da un velo di pistacchi tritati, o arricchito da una cucchiaiata di clotted cream, o da un ciuffo di panna montata.

Il lassi che vedete nelle foto è stato fatto con yogurt, acqua, ciliegie, e semi di cardamomo.
Ovviamente niente dosi, tutto ad occhio, perché sta a voi decidere se lo volete più o meno cremoso, o più o meno insaporito da una determinata spezia.




Potete usare anche il cardamomo in polvere, ma se avete i baccelli, apritene uno ed utilizzate i semini racchiusi al suo interno.
Io ho usato i semi contenuti in una intera capsula.





Aggiungo questo video non per insegnarvi a preparare il lassi che è una roba semplicissima, ma solo perché essendo in astinenza da "The Big Bang Theory" sento la mancanza dell'accento di Raj!




Ed ora, la parola al nostro caro Bourdain che, per la gioia di tutti noi, ha provato in loco la mamma di tutti i lassi: il Bhang Lassi, preparato con le foglie ed i boccioli delle piante femmine della Cannabis (sativa o indica, o ibrida, ma sicuramente non ruderalis).

L'effetto è simile agli altri cibi preparati con la marijuana (torta, muffin, biscotti, cioccolato, etc)
E' legale in molte parti dell'India, ed è la bevanda tipica che si sorseggia in occasione dell'Holi.
Ma volendo, si possono trovare anche i Pakoras, sempre preparati col bhang, of course.

Strano che Bourdain se li sia fatti sfuggire!





A proposito, una precisazione che a molti potrà apparire stupida o superflua: si scrive lassi e si pronuncia esattamente come lo si legge; no, lo dico perché mi è capitato di vederlo scritto con l'accento sulla "i" e di sentirlo anche pronunciare lassì, e vi assicuro: non erano francesi.

35 comments:

  1. Il lassi che diventa lazy mi piace!!! ma mi piace di piu' il Guttalassi e sinceramente mi piacerebbe prepararne un po' per quei momenti in cui l'ospite oltre ad essere indesiderato non ne vuole sapere di schiodarsi dal mio divano ;-)
    Ciao!

    ReplyDelete
  2. sembra ottima, facile e versatile praticamente irrinunciabile

    ReplyDelete
  3. sai già, vero, che la mattina personalmente da maggio a settembre ripudio qualsiasi altra colazione e non esiste altro che lassi (kefir, acqua e sale, ovviamente!) shakerato in un vecchio bicchiere col tappo di quando ero bambina? Altrimenti non avresti scritto questo post...

    ReplyDelete
  4. Per questo tipo di bevanda aspetto che faccia veramente un pò caldo...figurati che è caduta la neve sulle montagne vicino a me e sì che mi piacerebbe anche sudare un pò!!
    Un bacione

    ReplyDelete
  5. @ Araba: non so perché ma ho visioni sulla signora della carta igienica! Che poi su quella ci si potrebbe usare tranquillamente anche il cannello del tuo giveaway:-D

    @ sulemaniche: l'hai detto: irrinunciabile!

    @ acquaviva: esattamente, da maggio a settembre!!!!! Siamo malate noi, o è il resto del mondo ad avere dei problemi?
    Shakerato in un vecchio bicchiere col tappo di quando eri bambina? Ma io ti adoro!

    @ Mammazan: ma ti immagini che buono che verrebbe frullando la neve con la frutta?
    Ok sto zitta :P

    ReplyDelete
  6. devo assolutamente provare, poi ti farò sapere :)

    ReplyDelete
  7. e con le ciliegie diventa di quel violetto-lavanda? non ci credo!
    devo provare!!!!

    p.s. in India te lo servono zuccheratissimissimo...
    Francesca

    ReplyDelete
  8. però, guardando il filmato, alla fine lui sembra schifato più che deliziato... avrà fatto per sbaglio il guttalassi?

    ReplyDelete
  9. @ Fed: provalo, non te ne pentirai!

    @ Fra: ho usato ciliegie nerissime, quelle sanguinolente :P
    A contatto con lo yogurt bianco (e forse con lo zampino del cardamomo?) mi è venuto fuori quel colore!

    @ Fed 2: mi hai quasi fatto soffocare :-DDDDD
    Ora vado a riguardarmi quella parte!

    ReplyDelete
  10. IO lassio molto....vedo che anche tu lassi molto, dai che adesso con questo post laseranno in tanti !!
    Saluti lassi

    ReplyDelete
  11. ..ho appena scoperto il tuo blog e ..non posso che aggregarmi ai tuoi follower! Fantastica anche solo la presentazione, mi hai strappato un sorriso..mi sento esattamente come te, tale con la padella in mano ;)

    A presto

    Francesca di SingerFood & Chiccherie

    http://singerfood.blogspot.com/

    ReplyDelete
  12. Mmmmh... I'll keep drinking the traditional lassi, if you don't mind. The "bang" one doesn't really inspire me confidence :))

    The accent of the Indian chef was -- how do you say? Ah yes: BWHAHAHAHAAAAA!! :D

    @Fed: Judging by the color of his shirt on the left side, I'd say he got a bit too close of a Gutalassi aficionado, instead :P

    ReplyDelete
  13. Ciao!
    Piacere di fare la tua conoscenza!
    Mi sono aggiunta tra i tuoi follower se ti va passa da me, un modo per conoscerci e leggere nuove ricette.

    Se ti va visita anche il sito:
    www.oraviaggiando.it

    Questa guida è pronta al lancio della nuova Community "Gourmondo ®", un nuovo punto d'INCONTRO per gli appassionati di CUCINA: possibilità di pubblicare RICETTE, possibilità di segnalare ristoranti non ancora recensiti, possibilità di interagire con gli altri NaGou, possibilità di ricevere cene in omaggio e tantissimo altro ancora.....

    iscriversi è semplice:
    http://www.oraviaggiando.it/iscriviti-gratuitamente-oraviaggiando.html

    Io ci sono già!

    Baci buon inizio settimana

    ReplyDelete
  14. che gran bel post, quando annacquo lo yogurt mi davano del pazzo, questo con i boccioli della cannabis non la sapevo vedi non si impara mai abbastanza :))

    ReplyDelete
  15. NOOOOOOOOOOOOOOO.... Quando passo di qua, mi faccio sempre due sane risate!!!

    ReplyDelete
  16. Gutalassi...mhmm...hahahahahahaha...già sto pregustando il suo uso!
    PS
    Avevo intravisto il tuo post...ma non potevo che gustarmelo trovando i 5 minuti giusti...adesso che saprò anche come trovare i 5 min giusti per gli indesiderati! :P hihihihihhi
    PS
    Se servo i Gutalassi indossando una maglia del Genoa in modo da 'firmare' idealmente l'idea che dici?! :P eheheheheheh

    ReplyDelete
  17. ahahaahahah, non so da dove iniziare!
    La prima immagine che mi è venuta in mente è stata delle tue mani a forma di minipimer, stile Edward Scissorhands (a proposito, che accoppiato Burton e Depp, eh?)

    Poi ho visto il primo filmato e finalmente ho trovato qualcuno che parla inglese peggio di me!!! :D :D :D

    Infine ho riflettuto sul frullato acqua e yogurt: da provare assolutamente!

    p.s. Mus, quelle tavolette del secondo filmato non erano di cioccolata, vero? :D :D :D
    Bacioni! :)))

    ReplyDelete
  18. ....Mi piace la tua praticità nell'esplicar la sconvenienza di offrire del Guttalassi agli ospiti sgraditi. L'istinto mi avrebbe fatto fare un terribile errore alla prima occasione!
    Per fortuna ci sei tu!!! ^____^

    Comunque questo Lassi lo devo provare!
    Mi hai intrigato proprio con questa cosina estiva!

    Elisa


    PS: Ne approfitto per invitarti alla mia raccolta "I Love Coffee"! C'è tempo fino al 15 giugno e si può partecipare anche con ricette già pubblicate! Ti aspetto! ^___*

    ReplyDelete
  19. Sì, va beh...prima butti là l'incontro del principe cuoco tra le righe e poi ti metti a disquisire sui vari tipi di lassi leciti, semileciti, lassativi e soporiferi...

    Dal momento che quasi tutti i coltissimi lettori cialtroni già si fanno di lassi da maggio direi di riconcentrarci sullo spunto iniziale e ricominciare da capo per benino...

    Allora: chi era costui?
    Dove?
    Quando?
    In che senso?
    Perchè?
    E poi?
    E Zeb?
    Come?
    E tu?

    Allora?

    Comincia a scrivere un dettagliatissimo post apposito, please!

    Virò

    ReplyDelete
  20. Il mango lassi agli ospiti indesiderati è pericoloso: e se poi ti si appisolano sul divano??? come fai a liberatene? :-)))

    ReplyDelete
  21. interessante!!! mai sentito parlare prima d'ora di questo "frullato".
    da provare, ma non al mango che già per natura mi cala la palpebra ...

    ReplyDelete
  22. Speciali i tuoi racconti e le tue parole...ogni tanto mi rileggo del tuo incontro genovese con la Ale.....quello mi fa del tutto impazzire, il colore dei tuoi capelli ormai è un mio pensiero fisso!!!

    Un abbraccio, Fabi

    ReplyDelete
  23. @ Glufry: torna a casa lassi!
    Ok lo so era brutta, ma sono stanchissima, mi sa che agli altri risponderò domani (o dovrei dire oggi?)

    ReplyDelete
  24. @ SingerFood e Chiccherie: welcome! :-)
    Ti ringrazio tantissimo! Felice di aver scoperto il vostro blog :-)))

    @ Zeb: Raj is better but this one is not bad at all ahahahahah :-DDDDD

    @ Angelica: il piacere è tutto mio ;-)
    Grazie per l'invito! Passerò a trovarti sicuramente :-)

    ReplyDelete
  25. @ Günther: Ti ringrazio ;-)
    Eh... c'è gente che certe finezze annacquatorie non le capisce (i pazzi sono gli altri!!!!!! :-P)

    @ Stefania: non sai quanto mi faccia piacere :-DDD

    @ Gambetto: vai di maglia del Genoa che io lo servo con quella del Napoli, mica per niente siamo gemellati eh! :P

    ReplyDelete
  26. @ Ziopiero: muscaria minipimerhands :-DDDD
    Provalo, provalo, provalo, e vedrai che ti si apriranno nuovi orizzonti!

    PS: un po' di cioccolato c'è in quelle tavolette, non so dirti la percentuale di cacao però... 5%? :-D

    @ Massaia Canterina: eh lo so, con gli ospiti indesiderati l'istinto a volte ci fa commettere grossi errori :-DDDD
    Ti ringrazio tantissimo, passo a trovarti ;-)

    ReplyDelete
  27. @ Virò: io vorrei rispondere alle tue domande però c'è un problema... Bourdain mi ha offerto il suo lassi, al momento non ricordo, non so come quando e perché! Ma davvero, se no risponderei eh! :P

    @ Francesca: secondo me non si corre alcun rischio di avere persone addormentate sul divano: troppo impegnate ad uccidersi a vicenda per impossesasrsi del WC :-DDD

    ReplyDelete
  28. @ T'AmA: provalo, nelle giornate calde poi è una goduria vera a propria :-)

    @ Fabiana: che bello rivederti! ;-)
    Io ogni tanto invece vengo a rifarmi gli occhi coi tuoi capolavori!
    Oh sì, avresti dovuto esserci all'incontro con Ale :-DDDDD

    ReplyDelete
  29. L'ho appena fatto!!!!!!
    Troppo divertente 'sta cosa!!!
    ahahahah
    ..e pure bbbono!!!
    (yogurt di mirtilli)

    ReplyDelete
  30. @ Ziopiero: Evvaaaaaai, hai visto che spettacolo? Ci vuole un nanosecondo a farlo :P
    Yogurt di mirtilli, ottima scelta! ;-)

    ReplyDelete
  31. Senti lo striclassi esiste? Cioè quello con la stricnina. Perché ho una lunga lista di potenziali bevitori a cui darlo.
    Scherzi a parte, mi pare geniale come bevanda. Io ho sempre fatto il classico frullato (?) yogurt e roba (frutta, zucchero, spezie...) e non me ne privo quando vado al Paradis des Fruits, ma con l'acqua non l'ho mai provato.
    Mi toccherà rimediare.

    ReplyDelete
  32. @ Auramaga: quando una cosa non esiste, la possiamo sempre creare eh! :P
    Provaprovaprova! E' geniale e veloce :-)

    ReplyDelete
  33. Hai ragione, dunque mi mobilito per
    StricLassi
    MariaLassi
    EcstaLassi
    E per finire, solo per gli amici speciali, il LassaLassi.

    ReplyDelete
  34. Mi piace! Apriamo un'attività!
    LassaLassi: un privilegio per pochi!

    ReplyDelete