Monday, 17 January 2011

I speak ENGRISH but also ITAGLIAN

No, non allarmatevi, ci ha già pensato già la porta dell'aeroporto a farlo per tutti noi.


E come se non bastasse, proprio mentre stavo ancora sghignazzando per aver finalmente immortalato questa meraviglia alla quale facevo la corte da anni, intercetto il dialogo di tre persone sedute alla mia sinistra.




Sono tre amici che devono prendere il mio stesso volo per Parigi: due ragazzi Inglesi, ed una ragazza Francese; tutti e tre stringono fra le mani una tazzina di caffé.
Sorseggiano la sacra bevanda fra mugolii di piacere, desiderio di berne a litri, e zero voglia di lasciare il Bel Paese.

Dai discorsi dei due ragazzi Inglesi si capisce chiaramente che sarebbero rimasti volentieri in Italia per sempre: amano il cibo, i luoghi, il clima, bla bla bla bla bla bla, ma soprattutto, sono innamorati del caffè: non possono più farne a meno!

La ragazza Francese a questo punto non riesce a stare zitta, viene colta da grande commozione e sente di dover dare anche lei il suo contributo.
Annuisce mentre gli altri due parlano, e quando arriva il suo momento, tira su la tazzina del caffé, si mette la mano libera sul cuore e con enfasi dice: "Every time I drink Italian coffee I feel it right in my arse"

Sguardo inorridito dei due ragazzi Inglesi, e rischio di soffocamento da parte mia visto che stavo facendo colazione anche io!

Ed è fantastico perché è la seconda volta che mi capita di sentire una francese pronunciare la parola "heart" in questa maniera...

No, perché, non per essere pignoli, pero' fra la parola "cuore" e la parola "culo" un po' di differenza ci sarebbe eh!



Buona giornata a tutti!

15 comments:

  1. Bellissimo!!!!
    Dovremmo fare una raccolta di tutti gli strafalcion visti e sentiti in giro.
    Mi chiedo sempre se qui in Arabia, dove gli alcolici ben sai come sono visti, sappiano cosa scrivono sui menu quando leggo Pizza MARGARITA :-)))

    ReplyDelete
  2. Beh, senti, i miei vicini di casa, al vecchio indirizzo, si erano fatti promotori della diffusione dell'antenna parabolica e avevano messo un cartello, nel portone, che diceva così: "se siete interessati alla diffusione della parabbola (sic) potete venire A noi" .
    Ti lascio immaginare tutto il resto :-)))))
    ciao!
    ale

    ReplyDelete
  3. :DDDD
    Un mio amico svizzero disse: "Il lago di Zurigo è il più porco" e noi, che fino ad allora cercavamo di trattenerci per i suoi strafalcioni, abbiamo cominciato a ridere a crepapelle...
    Però ho anche io il mio aneddoto: davanti ad un generale statunitense dissi una filastrocca che mi avevano appena insegnato "Jack and Jil went up to the hill, to have a little fuck..." invece di fun... non ti dico cosa è successo!!!
    I spik ingrisc vueri vell! ;)

    ReplyDelete
  4. LOL!Il cartello e' una vera chicca!
    Mio fratello,recentissimamente,ha chiesto "cock,to drink" in un ristorante indiano.....
    Hugs :)

    ReplyDelete
  5. mi hanno appena inviato una foto scattata, sempre in fase di viaggio, al cartellino compilato ed appeso ad una valigia altrui:
    name: -diligentemente riportati nome e cognome del proprietario della valigia
    address: -riportati via e numero civico
    city: -riportata la città
    state: SINGLE
    tel. no.: -riportato (speranzosamente?!) il suo numero di cellulare...

    ReplyDelete
  6. un po' come quando mio padre al termine di una cena a casa di amici indiani dichiarò di essere fool e per questo di non poter fare il bis di dolce.

    ReplyDelete
  7. ahahahahhahah..sto soffocando dal ridere......oh Santa Cleopatra(l'ho letta ieri e mi è piaciuta un sacco!!!) ...sto morendo e il cane mi guarda storto perchè non capisce!!!

    Un mio amico tedesco per descrivere ad un Prof di arte un'immagine di un quadro raffigurante un fanciullo disse" ....Pene...kvesto Fankiulo....." non ti dico cosa è successo in quell'aula!!!ahahahhahahahahah


    A proposito di HEART (e non Arse)..ti aspetto al mio contest..TU non devi mancare assolutamente!!! Bacioni...dai dura ancora un mese meno un giorno, baci, Flavia

    ReplyDelete
  8. Cito dal solito alunno della I E: "...a metà del secolo scorso fu più volte nominato per ricevere il Nobel per la pace Gandhi, detto BATMAN!!!"

    Cioè ci si rende conto? La parola Mahatma è diventata Batman!

    (P.s. Ovviamente quando un giorno, ormai adulto, l'alunno citato tradurrà cartelli in areoporto, io negherò sempre di essere stata sua insegnate!)

    ReplyDelete
  9. AAAHAHAHAHA!!! La porta allarmata mi ha fatta cappottare. Me la immagino questa porta che getta preoccupatissime occhiate.
    Mitico anche "arse", dopo aver letto l'articolo mi sono resa conto che effettivamente una buona maggioranza di francesi tende a pronunciarlo così.
    E per finire, quella del video è esattamente una delle croci di chi è alle prime armi con il francese:
    "Un jeune"...
    "Che ha detto?"
    "Hemm... jeune, qualcuno che non è vecchio"
    "AAAhhh: jeune!"
    "Ecco, jeune, come ho detto io."
    "No, non jeune... J-E-U-N-E"
    Insomma, pare sempre di pronunciarlo uguale ma poi c'è quella sfumatura che cambia tutto.
    Ciaoo!!

    ReplyDelete
  10. @ Arabafelice: ma poi con la pizza ti danno anche la fetta di limone? E il sale, te lo mettono intorno alla crosta o te lo danno da succhiare direttamente dalla tabacchiera anatomica? :-DDDDD
    Davvero, dovremmo fare una raccolta!

    @ Ale: la parabbola è già fantastica di suo, ma "potete venire A noi" merita un premio!!!

    @ Stefania: NOOOOOOO ahahahahah, ma sei fantastica! L'ho raccontata a Zebulon mentre uscivamo dalla metropolitana e fra un po' mi si ribalta per strada dal ridere :-DDDDD
    Eppero' sto Lago di Zurigo eh! Non lo sapevamo che fosse un porco di tali proporzioni...

    @ Edith: OMG! :-DDDDDDDDD
    Sono scene bellissime!

    Mi fa venire in mente un mio amico che aveva chiesto al Mc Donald "One big cock" e poi, non contento, ha aggiunto con più enfasi: "Long, large!"
    Il tipo lo ha guardato con sentimento di pietà negli occhi e ha detto: "Italian, right?"

    @ Acquaviva: se il tuo scopo era quello di farmi ingoiare il velopendulo dal ridere, sappi che con quel SINGLE accompagnato dal commento sul telefono ci sei riuscita!

    @ Fed: tuo padre è un mitooooo :-DDDD

    @ EliFla: "Pene...kvesto Fankiulo"
    AHAHAHAHAHA ma volete ammazzarmi? Questi commenti mi stanno facendo lacrimare dal ridere, persino ora che li rileggo per rispondervi :-DDDDD

    PS: spero di farcela! Sono incasinata più che mai e non mi sono ancora procurata una cucina da borsetta, o meglio, da valigia, pero' faro' di tutto per esserci ;-)

    @ Viro': talvolta sento la necessità di denunciarti per procurata lesione al mio apparato respiratorio, lo sai che si puo'soffocare se poi aggiungi PS di quel tipo, vero? Aahahaha Batman, non ci posso credere, 'sta gente è veramente fulminata :-DDDD

    @ Auramaga: esatto, ti fa pensare ad una porta che lancia occhiate preoccupatissime!
    Ooooh non parliamo di sfumature che io qui, continuo a fare le mie belle figure di pronuncia dicendo in realtà "grazie, bel culo" quando dico "merci beaucoup", e credimi, mi capita sempre con le persone sbagliate! :P

    @ TUTTI: grazie per il vostro contributo, mi avete stesa dalle risate!!!
    E scusate il ritardo con cui rispondo, ma credevo di essere "più libera" invece mi pare non sia cosi', e la sera quando arrivo a casa non ho la forza nemmeno per digitare "help" sulla tastiera :-/

    ReplyDelete
  11. Racconto strepitoso, gli strafalcioni sono le cose che mi fanno morire più dal ridere!
    Posso aggiungere?
    Interrogazione a scuola: In quale catena montuosa si trova il monte Everest? Nella catena dell'Himayala! :-)

    ReplyDelete
  12. Quanto è divertente il tuo blog? Ti devo seguire! :)

    ReplyDelete
  13. @ poverimabelliebuoni: ahahahaha HiMayala è da sdraiarsi dal ridere, immagino le reazioni!
    Grazie per aver contribuito anche tu :-DDDD

    @ Lucia: grazie, e benvenuta! :-D

    @ Passiflora: ti ringrazio tantissimo! Benvenuta anche a te :-D

    ReplyDelete
  14. @ Lucia: non farci caso, sono stordita, non ti avevo riconosciuta :-)

    ReplyDelete