Friday, 21 October 2011

La Vendetta è un Piatto che va Consumato Freddo


Ormai lo sapete fino alla nausea: non posso toccare la maggior parte dei latticini, e quando dico "toccare" intendo dire che non mi è nemmeno permesso toccarli con le dita.



Non si è ancora ben capito in quale situazione mi trovi al momento (lo scopriremo con le ennesime ulteriori analisi) ma sinceramente non posso proprio lamentarmi, prima la situazione era ben peggiore.
Almeno adesso posso concedermi ricotta, yogurt, e Philadelphia. Ma pure la crema pasticcera.
E non è poco, anzi, è una gran fortuna!

In ogni caso, rimane sempre il fatto che nella mia mente la questione formaggio sia un discorso perennemente aperto, facito di sogni, speranze, e di immaginari bagni nel latte stile Poppea, ma soprattutto, di sfiancanti corse su infiniti prati di mozzarelle di bufala.

Non ho più la minima idea di quale sapore abbia il latte, non me lo ricordo proprio, ci provo, mi sforzo, ma proprio non ci riesco!
Però, al mio palato è rimasta un po' di memoria: sono infatti in grado di rievocare mentalmente sia il sapore del Parmigiano che quello del Leerdammer.
Praticamente una sinestesia virtuale, a comando.

Sticazzi, direte voi!

E sticazzi lo dico pure io quando sento il sapore di un formaggio che sto solo immaginando e non masticando!

Ci sono volte in cui il fatto di poterne sentire il sapore anche senza mangiarlo mi rende felice, è un po' come avere la certezza che il ricordo non si sia cancellato del tutto (come mi succede con il latte per esempio) altre volte invece sento l'assoluto bisogno di andare in un supermercato e fare del male fisico ad un tofu!
(Il tofu non è una specie protetta, giusto? Posso farlo, no? Dite che mi arrestano? Vabbé, posso almeno insultarlo? Eddaiiiiiiiiiiiiii)

Che poi 'sto famigerato tofu io l'ho mangiato solo una volta in tutta la mia vita (credo di averlo sputato dal naso al primo assaggio, però!)
Ricordo solo due cose: ha il colore di un cadavere, ed il sapore non è che ricordi cose migliori.

Mi hanno detto, però, che la colpa è stata mia che l'ho assaggiato "nature", è SOLO per quello che non mi è piaciuto (TSK!)
Pare che, condito da svariate spezie e saltato in padella, sia addirittura una squisitezza.  
Bah... io so solo che il mio l'ho fatto volare nella spazzatura!

Insomma, mi pare non ci sia da aggiungere altro, è chiaro: adoro il formaggio!
E... sebbene faccia finta di poter vivere tranquillamente senza, la verità è che se a volte riesco a fingere totale indifferenza, glaciale superiorità, o assumo atteggiamenti altezzosi da regina delle nevi non-latticine, ultimamente le cose sono un po' cambiate: sto iniziando infatti a sviluppare comportamenti decisamente preoccupanti, comportamenti socialmente non accettabili. Comportamenti devianti.
Mi sono accorta che da un po' di tempo guardo il gorgonzola con altri occhi... roba che se qualcuno dovesse intercettare il mio sguardo da maniaca nei confronti del suddetto formaggio, potrebbe tranquillamente chiamare la polizia e denunciarmi per stalking o, ancor peggio, per molestie al formaggio pubblico!

Ci manca solo che io mi presenti davanti al gorgonzola con l'impermeabile da maniaco e che lo apra davanti alla vetrina dei formaggi, e siamo a posto!
 
Detto questo, non potendo fare diversamente, inganno me stessa in tutte le maniere possibili ed immaginabili.
Ringrazio i paesi mediorientali per creato questa meraviglia.
Che poi, a seconda del Paese di provenienza cambia nome, ma la sostanza alla fin fine è la stessa.

Il Labna è una sorta di jolly per me: viene incontro alle mie esigenze, aiutandomi ad aggiungere un "latticino" in più nella lista dei "mangiabili", in più è versatile, non solo perché è facilmente trasformabile in "diversi tipi di formaggio", ma anche perché lo si può utilizzare nella preparazione di alcuni dolci.
Non è quindi solo un semplice formaggio da spalmare sul pane.

Certo, non sarà godurioso come un pezzo di parmigiano, non sarà una porcata come il gorgonzola, ma almeno mi regala l'illusione di mangiare qualcosa che si avvicini a ciò che mi è proibito!

Il Labna è semplicissimo da preparare, ed in un periodo in cui si ha pochissimo tempo a disposizione è la soluzione ideale visto che si prende carico di tutto il lavoro che c'è da fare.
Insomma, un risultato sorprendente col minimo sforzo!

Immagino conoscerete già tutti la procedura, ma per chi non la conoscesse ancora ecco qui la "ricetta", se così si può chiamare.
La cosa in realtà è molto semplice, si tratta solo di far scolare per un tot di ore dello yogurt che avrete precedentemente messo in un telo a maglie strette, o in un filtro da tea (come ho fatto io) o in un qualsiasi altro "filtro" possa venirvi in mente...  no, quello delle sigarette non va bene!

Anche un colino ed un tovagliolo vanno benissimo. L'importante è che troviate il modo per sospendere il filtro in qualche maniera.
Possono essere utili anche quei cestini bucherellati da ricotta o da formaggi freschi, perché di solito hanno i buchini o le manigliette laterali.

Io lo preparo con un filtro da teiera comprato dal mio solito spacciatore di tea parigino (Mariage Frères)






In pratica questo filtro è una sorta di calzino con un ferro intorno ed un gancio.
In mancanza di questo però vi sconsiglio vivamente di prendere un calzino usato e di infilarvi un fil di ferro nel bordo, ma se proprio insistete per farlo, abbiate almeno la furbizia di vendere il formaggio da voi prodotto al mercato francese, lo sapete che loro adorano i formaggi che puzzano, no?

(Zeb, do not read!)

Il gancio vi servirà per appendere tutto l'ambaradan ad uno dei ripiani del frigorifero.

Ma in mancanza di questo, esiste una soluzione alla portata di tutti:  vi basterà avere un cucchiaio di legno ed una pentola.
Ecco il barbatrucco: mettete lo yogurt all'interno di un tovagliolo pulitissimo, legate le estremità nella posizione centrale del manico di un cucchiaio di legno, e posizionate il tutto sul bordo di una pentola, come se il cucchiaio fungesse da ponte. In questo modo il tovagliolo/filtro rimarrà ben sospeso, e lo yogurt  potrà avere la libertà di  sgocciolare all'interno della pentola senza crearvi troppi problemi.

Il tutto va ovviamente messo in frigo per un tot di ore, a seconda della consistenza e del sapore voluto.

Ingredienti:

- Yogurt (io uso quello greco perché più denso, ma potete usare qualsiasi yogurt)
- Sale

Per il condimento:

- Erba cipollina (e relativi fiori)
- Paprika
- Noci
- Olio evo e pepe nero

Volendo potete usare anche olive, zafferano, curry. Insomma potete sbizzarrirvi.
Ma potete anche utilizzarlo per preparare il cheescake, viene buonissimo!

Procedimento:

Condite lo yogurt con un po' di sale (io non ne metto tantissimo, su un vasetto ne metto giusto un pizzico)
Versate lo yogurt nel filtro e lasciatelo sgocciolare in frigo per:

 - 6-8 ore se volete un risultato molto cremoso dal sapore delicato e leggermente acido

- 12 o più ore per un sapore più forte, più "stagionato" e per una densità più consistente


Yogurt appena versato nel filtro

Fase della "sgocciolatura"


Risultato dopo 6-8 ore


E' ora di liberare il formaggio che è in lui!







A questo punto potete utilizzarlo intero, o tagliarlo a fettine e condirlo con quel che preferite.
Oppure, ricavarne delle "polpettine".
O ancora, utilizzarlo per preparare un dolce.




In questo caso, ho condito alcune fette con una generosa spolverata di  paprika dolce.




E le altre, con olio di oliva e pepe nero macinato al momento.



Per quanto riguarda le "polpettine" alcune le ho fatte rotolare su un trito di erba cipollina, altre su un trito di noci.
Ma provate anche con le olive!


















Questo in basso invece è quello più "stagionato", lasciato a colare per 12 ore, condito con pepe nero e fiori di erba cipollina.





Oooooh  eccheddiamine! Questo post era tipo un anno e mezzo che volevo scriverlo!
Anche io però, che mi decido a farlo quando il PC mi molla, non sono proprio tanto normale eh!

 

17 comments:

  1. Mentre leggevo pensavo che se potessi tu saresti una potenziale omicida...del nonno di Heidi....di Peter...e che non soddisfatta festeggeresti il duplice omicido facendo un bel barbecue con la sua capretta...accompagnando il tutto con il Labna! :P ahahhahahaha
    PS
    Dopo che qualcuno leggerà questo post...leverà tutti i miei calzini dal cassetto per evitare che possa arrivare a produrre formage per i francesi! ehehehhehe :D
    Adesso scappo, metto il gonnellino e vado a fare il meteorino...quando il dovere chiama lo sai meglio non farlo aspettare! :D ahahahhhahaha

    ReplyDelete
  2. @ Gambetto: ahahahhahahhahahha (sono fortemente tentata dal far leggere questo tuo commento ad uno dei miei ex professori di criminologia, soprattutto uno apprezzerebbe particolarmente non solo il commento ma persino la capra :-DDDD)

    Io fossi in te andrei a controllare il cassetto, secondo me i calzini sono già tutti spariti! Vai Gambettaaaaaaaaaaaaaaaa!!! :P

    Bravo, tu sì che sei un meteorino serio!
    (Però quella scollatura, aprila un po' di più... eccheddiamine, sembri una suora! Lo sai che lo share è importante, no?)

    ReplyDelete
  3. ciao! era tanto che non ti leggevo ma mi ricordavo il tuo stile inimitabile e spassosissimo!! condivido l'avversione al tofu, se bisogna truccarlo con spezie aromi e saltarlo in padella per farlo diventare buono, allora è buona anche una suola di scarpe fritta!!!
    il latticino fai da te è una gran furbata, necessità fa virtù giusto?
    ciao
    Cris

    ReplyDelete
  4. Alla "molestie al formaggio pubblico", i miei colleghi in ufficio mi hanno guardato con occhi spaventati perché ho cominciato a ridere come una pazza senza ricordarmi di eliminare l'audio. Tu un giorno o l'altro mi farai cacciare. Però non puoi capire quanto ti sia vicina per la sfortuna immensa che ti tocca sopportare. Se da un momento all'altro dovessi smettere di mangiare formaggi, potrei dichiararmi finita! L'intolleranza al glutine è terribile, ma quella ai formaggi è una punizione divina. Povera, povera....spero solo che tu riesca a trovare la causa e a superare questo veto ignobile. Eviterò accuratamente l'argomento quando passo a trovarti, così, per non infierire oltre. Ti mando un bacione, sei la mia iniezione di buonumore. Pat

    ReplyDelete
  5. Yeaaaah, she's baaaaack again!! :))

    Thank you for this post, because I was in a bad mood this morning (SGRUNT), but you managed to make me laugh in the train :D
    I mean, you doing the maniac with a trench coat in front of a cheese shop? I want to see that!! You could be an International Cheese Maniac, think of the career opportunities, books deals, artistic projects!
    This could be part of your anthem:
    In ogni città
    Dovunque sia
    Per ogni formaggio
    C'è il maniaco

    And I wanna taste your cheese experiments, they look too great, and you know I can never say "no" to a cheese!!

    Now, about that "french love stinky cheese" thing... I've got to confess something ¬___¬ The Phildelphia with garlic and herbs you ate here was... mmmmh... homemade :p But the socks were clean, I swear!! :))
    (REVEEEEENGE!)

    ReplyDelete
  6. devo assolutamente provare! comunque riguardo al Tofu anche a me hanno detto la stessa cosa: è colpa miaaaaaaaa che l'ho mangiato al naturale (l'orrore l'orrore), ma io, onestamente, non credo che una cosa tanto schifosa possa assumere un sapore decente in nessuna circostanza!

    ReplyDelete
  7. ..chissa come viene con il calzino argentino...adesso ci provo e ti dico..queso de pies..

    Allora facciamo cosí: tu seduci gorgo, io il croissant. Il palo per la lap dance lo porto io.
    Alle unghie gialle ti si abbima bene il violetta no? Quindi a te porto il completino sado maso viola, io metto quello da infermiera bianco.
    Mi sembra che cosí vada bene, sai quei formaggi sono dei gran puzzoni e al ai farinacei il bianco piace tanto....Ci troviamo da Hediard alle 19.00...

    Ci stai?

    ReplyDelete
  8. Bhe la tua vendetta è proprio una figata super invitante, in barba ai malefici latticini!Ahahahah ti immagino mentre osservi il gorgo con aria sofferent/morbosa, povera!Cmq dai, te la cavi alla grande anche con questo, non ti puoi lamentare (bisognerà pure darci contro!!)!Un bacione e buon we

    ReplyDelete
  9. Ma tu sei un vulcano di idee e sapienza!!!
    Chapot, questa devo proprio provarla.
    Poi passo la ricetta ai miei amici francesi e me la tiro con un sacco di battute: "Jus de chaussette", "Ca pue la chaussette" ;)

    ReplyDelete
  10. ti perdono l'attacco al tofu solo perchè comprendo molto profondamente il dramma di non poter contemplare formagggi davvero formaggiosi nella tua vita. E se per caso sei a Londra il 2 novembre potremmo anche parlarne di persona. Magari sopra un bel piatto di tofu condito esattamente come hai fatto con il tuo labna!

    ReplyDelete
  11. E io che non amo i formaggi e invece potrei anche mangiarli... Però ne faccio una esclusiva questione di colore, se sono bianchi li mangio e la ricotta la adoro, tanto da trasformarmi anche io in una maniaca con tanto di impermiabile, soprattutto davanti a quella con lo zucchero...
    P.s. Il labna però lo mangerei perché è bianco bianco bianco!!!

    ReplyDelete
  12. Azz... avevo commentato venerdì, ma vedo che il commento non è stato preso. :-(
    La faccenda del calzino aromatizzante mi ha stuzzicato l'immaginazione, e sappi che è solamente colpa tua se sabato ho acquistato mezzo kg di yogurt greco!!! :-D

    ReplyDelete
  13. @ Poverimabelliebuoni: benritrovata! :-)
    Esatto, se bisogna truccarlo ci sarà un motivo!

    @ Patty: guarda io ogni tanto faccio i capricci (come in questo post) però devo dire che una volta passato lo shock iniziale ad un certo punto ti viene incontro la ragione: c'è di peggio! Per cui alla fine, nella sfiga, mi ritengo anche fortunata! :-D
    La causa la conosco: è la tiroide bastarda che da qualche anno ha deciso di mettere alla prova la mia pazienza.

    PS: sei gentilissima! Ma non farti problemi, parla pure di formaggi & Co tranquillamente, ormai ci ho fatto l'abitudine e ci rido sopra, che altro posso fare? :P

    PPS: e comunque le "molestie al formaggio pubblico" stanno andando avanti eh!

    @ Zeb: ooooh yes, you'll see me doing that! Cheese Maniac in tour :P
    I'll use your anthem for the opening credits of the "cheesisodes" :-DDDD

    Oh noooooo my philadelphia garlic and erbs it was in reality just sock and grass???? GRRRRR

    ReplyDelete
  14. @ Fed: ma ceeeeeeeeeertamente che è colpa nostra! TSK!
    Io per amore della scienza un giorno voglio proprio provare a coprirlo di spezie, poi ti saprò dire :P
    Questo invece provalo perché è buonobuonobuono!

    @ Glufry: aaaaaaaaaaaaaaaaaah il calzino argentino!!! Potrebbe dargli quel saporino che manca da queste parti...
    Va bene sia per l'appuntamento da Hediard, che per il completino sadomaso viola: vado ad oliare la frusta! (che ci taglio persino il cheesecake a fette perfette, altro che filo interdentale, PFUI!)

    ReplyDelete
  15. @ Meggy: se vado avanti così a fine anno produco il calendario Pirelli dei formaggi :-DDDD

    @ Auramaga: ti prego sììììì, vendicaci, solo tu puoi farlo!!! Jus de chaussette diventerà il 247° formaggio di Francia, ah se De Gaulle potesse vederlo!
    A proposito l'Italia ne ha censito 400, che si sappia :P

    @ Acquaviva: esatto! Formaggi davvero formaggiosi, ecco cosa mi manca.
    Se hai una ricetta magica su come rendere il tofu commestibile io sono pronta alla sperimentazione eh!
    Per amore della scienza non mi tiro mai indietro.
    Azzzz non ci becchiamo per pochissimi giorni!
    (e no, non è una scusa per evitare il tofu :P)
    A parte gli scherzi, mi sa che se andiamo avanti così a darci il cambio ci fanno portare la fiaccola olimpica quest'anno!

    ReplyDelete
  16. @ Stefania: io e te insieme al ristorante potremmo far venire un attacco di bile al cameriere, lo sai vero? :-DDDD
    Allora facciamo così: tu ordini quello che non puoi mangiare (e lo mangio io) ed io ordino quel che mi è proibito, così lo mangi tu :P

    @ Mapi: no! Si è mangiato il tuo commento? GRRRRR!
    Meno male che sei tornata se no mi sarei persa del tutto la tua mezzochilata di yogurt greco!!!! :P

    ReplyDelete
  17. Mi hai fatto morir dal ridere. Non c'è nulla dimeglio che affrontare un problema che in questo modo. Giova a tutti, prima a te e poi anche a chi ti è intorno. L'importante è aggirare l'ostacolo. Lo proverò!
    Fabio

    ReplyDelete