Friday, 11 March 2011

Incontri Ravvicinati del Quinto Tipo and My Own Private Carrot Cake



When life gives you carrots (perché non è che ti dà just lemon!)  le prendi, le lavi, le peli, le fai a pezzi, e ci fai un carrot cake.

Però, se ti manca un ingrediente, ti tocca andare al supermercato.
E  al supermercato si possono fare strani incontri...
E se sei anche appena tornata in Italia, lo sai, ti toccherà anche fare i conti con certe situazioni alle quali non eri più abituata.




INTERNO GIORNO - SUPERMERCATO

Muscaria, dopo aver cercato di far capire in diversi modi alla cassiera che, NO, non ha la tessera e, NO, non la vuole fare in questo momento e, NO, le sue unghie non sono finte-ricostruite-incollate-quant'altro, e che NO, lo smalto di quel colore non nuoce alla salute; paga, riempie due borse in tutta fretta, e cerca di svignarsela prima che "accidentalmente", in risposta ad una delle sue domande-senza-sosta, una arcata dentaria della suddetta cassiera possa rimanere incastrata nel meccanismo della cassa.

Muscaria si avvia quindi in direzione dell'uscita, carica come un asino da soma, e veloce come quest'ultimo dopo aver raggiunto la cima di Santorini in pieno agosto.

Qualcosa però attira la sua attenzione, e la fa rallentare ulteriormente.

Alla sua destra c'è un cane posteggiato. Il cane indossa un cappottino del Genoa.

Muscaria non può resistere, deve fermarsi ed approfondire la conoscenza.

Dopo aver scambiato due chiacchiere col cane di buon gusto calcistico, si dirige velocemente in direzione delle scale, teme infatti che la cassiera possa seguirla con l'intenzione di trapanare ulteriormente i cabasisi con nuovi ed inquietanti quesiti.
Muscaria, sapendo di avere il grilletto del vaffanculo facile, solo al pensiero, ritrova le energie ed allunga il passo: vuole evitare una sparatoria nel Saloon del supermercato.

Ha già un piede posato sul primo gradino, quando la richiesta di una voce femminile la fa fermare.

Una donna, posteggiata un po' più in là del cane (in pratica nel reparto frutta) attira l'attenzione uditiva di Muscaria.

Donna Posteggiata: "Sta andando su per le scale?"

Muscaria: "Ma secondo te, una persona con un piede già posato sul gradino cosa starà mai facendo? Si starà forse allenando per i campionati mondiali di step? Si starà pulendo la suola da una merda? O cosa?"

Muscaria schiaccia il pulsante "EDIT" del suo cervello, si morsica la lingua, e cerca di non tradurre il pensiero in parole. Deve comportarsi da persona educata.

Muscaria: "... perché?"
(con aria sospettosa)

Donna Posteggiata: "Se vede una fuori davanti a mia figlia"
(le virgole non sono state dimenticate, la frase è stata formulata esattamente così)

Muscaria cerca di scomporre e decodificare la frase:

"Se vede una fuori"... ma fuori nel senso di "luogo posto all'esterno del supermercato", o fuori nel senso che non ci sta più con la testa?

"Davanti a mia figlia"...  ecccccchiddiamine è tua figlia? 
Come faccio a riconoscerla??? Ma soprattutto, con quella davanti a tua figlia, che devo farci?

Muscaria respira profondamente, cerca di mantenere la calma, e gentilmente chiede : "Mi perdoni... credo di non aver ben capito. Di cosa ha bisogno esattamente?"

Donna Posteggiata "Mia figlia. Può dirle che sono qui?"

La guardo e mi domando perché non vada su lei, non ha borse pesanti, non ha nulla che le impedisca di uscire dal supermercato...
Poi mi cade lo sguardo sulla caviglia e vedo che ha una specie di piccolo gesso.
Cerco di diventare più buona.

Muscaria: "Certo! Me la può descrivere per cortesia?"

Donna Posteggiata: "Ha i ricci"
(Fa segno con la mano per indicare che sono molto corti, attaccati alla testa)

Muscaria pensa: "Ok, ma se vado su e mi trovo davanti cinque persone coi ricci molto corti che faccio?"

Muscaria: "Potrebbe dirmi anche di che colore ha i capelli, per cortesia?"

Donna Posteggiata: "Ricci"

Muscaria, consapevole non solo del fatto che i colori del Pantone siano tantissimi, ma anche del fatto che "ricci" non faccia parte della tabella universalmente conosciuta, sta iniziando a non sapere più come gestire la situazione.

Fa un ampio respiro e chiede: "No... forse non sono stata chiara,  ho capito che ha i capelli ricci, ma il colore dei capelli di sua figlia qual è?

Donna Posteggiata: "Beige"

Muscaria: BEIGE??? Ma cos'ha i capelli di lana? Ha un maglione al posto dei capelli?... E perché non color cammello allora!

Muscaria si arrende, e va alla ricerca della figlia perduta.

Mentre arranca su per le scale si imbatte in una ragazza coi capelli:

a) Lunghissimi
b) Neri
c) Leggermente mossi

L'aria smarrita della ragazza e lo smanettamento feroce sul cellulare insospettiscono Muscaria.

Muscaria: "Scusa... stai mica cercando tua madre? Una donna con la caviglia ingessata?"

Ragazza -che-secondo-la-madre-ha-i-capelli-ricci-molto-corti-di-colore-beige:  "Sì! Non la trovo più, sai dov'è?"






Ingredienti:

- 150gr di carote
- 5-6 mandorle tostate
- 2-3 noci
- 1 cucchiaio di Cointreau
- 2 uova
- 40-50 gr di  farina autolievitante
- 1 baccello di Vaniglia (semini)
- 150 zucchero demerara




Preriscaldare il forno a 200°

Offrite alle carote un microplane treatment (o tritatele se non possedete il magico attrezzo), tritate le noci e le mandorle, prelevate i semini dal baccello di vaniglia, e unite il tutto al resto degli ingredienti.

Io ho usato uno stampo da budino (senza buco) ma dà i suoi porci risultati anche in quello da plum cake!

Mettete in forno per una quarantina di minuti.




Per la copertura:

- 1 cucchiaino margarina (meglio il burro, potendo usarlo)
- 50 gr Philadelphia
- 1 cucchiaino Cointreau
- 1 cucchiaino farina di cocco
- 2 cucchiaini di zucchero semolato

Ovviamente queste sono le mie dosi, aumentatele a seconda della forma e della dimensione del dolce, il mio era di dimensioni medie.

Lavorate il Philadelphia e il burro (o margarina) fino ad ottenere una crema bella morbida (talvolta aggiungo anche un po' di ricotta già ridotta in crema), aggiungete lo zucchero, il Cointreau, ed infine la farina di cocco.
Ricoprite il dolce e, se resistete a non mangiarlo tutto fino al giorno dopo, verrete ricompensati da una texture del dolce più compatta (ma sempre morbidissima e cremosa all'interno) e da una glassatura fenomenale!

Buona giornata a tutti, e attenti ai supermercati. Non tutti si chiamano Tesco o Monoprix.

26 comments:

  1. Ottima la ricetta!....ma confesso che ho fatto fatica a leggerla pensando al trapanamento di cabasisi!
    Adesso però confessa...sperando che la mia ragazza non legga il tuo post :P ahahahahahaah...ma di che colore hai le unghie delle mani!! :PPPPPPP

    ReplyDelete
  2. Oggi credo che aspetterò per uscire a far la spesa ...la domanda di Gambetto mi vede complice....ma hai le unghie beige,viola prugna o verde acido? Lo so...fino a che non lo saprò non esco!Buona giornata cara....

    ReplyDelete
  3. lo so che non lo ami...ma ti linko su FB... l'idea che non possa condividere con i miei amici, virtuali e no, la fama di "ossessa che sta piangendo davanti al pc con crisi convulse" per me è intollerabile...
    E comunque, la creatura ha i capelli a spaghetti, corti dietro e lunghi davanti, e sono beige pure i suoi. Nel caso che dovessi incontrarla al supermercato- a parte che, ora che ci penso, sarebbe a scambiarsi le ultime inpressioni sulle tonalità dei cori della Nord col cane dal buon gusto :-)))
    je t'adore
    ale

    ReplyDelete
  4. ahahahahahahahahaha!!!! meglio parlare col cane direi! e speriamo che la signora non sia mai chiamata a fare un identikit :)
    Mi piace l'immagine del sommo Clint in testa al blog :D

    ReplyDelete
  5. Hai detto tutto con Clint che si soffia sulle dita prima di estrarre la pistola. Anche se credo il tuo sguardo fosse ancora più spietato!

    ReplyDelete
  6. (PS: la risata di cui oggi avevo bisogno!)

    ReplyDelete
  7. Pochi ma buoni i tuoi post..
    Ricette comprese
    Ma poi non hai detto nulla a quella signora circa la descrizone della figlia?

    ReplyDelete
  8. Io ho le unghie nere, sai quello che tira al beige, un po' ricciole.
    ...Ecco perche cerco sempre super senza scale, e porte scorrevoli: la mia pigrizia mi impedisce solo di pensare a colloqui con la cassiera e la bac (buona azione quotidiana) non fa parte della mia cultura quindi sono fuggita in un paese in cui i cassieri li sfruttano fino allo sfinimento e solo ti dicono a fil di voce: son 1300 pesos..e lá scatta l'italico : minchia ma che é ? oro...?!??...
    Baci Muscaria, grazie di esistere...!!

    ReplyDelete
  9. ciao, colgo l'occasione per invitarti a partecipare al mio primo contest di ricette di primi piatti dal titolo "SAPORI E COLORI DEL MEDITERRANEO"(http://primopiattoquasifatto.blogspot.com/2011/03/sapori-e-colori-del-mediterraneoil-mio.html)

    ReplyDelete
  10. Sfurtunatedda avrebbe detto Montalbano, mentre io penso che tu abbia avuto un gran c..., un post così all'estero non l'avresti potuto scrivere!!!
    P.s. Vuoi mettere un cane rosa/nero quanto è chic?

    ReplyDelete
  11. Sto morendo.
    Senti, ma se ci mettiamo in società e di mestiere facciamo "quelle che vanno insieme al supermercato, succede loro di tutto e poi lo scrivono" come la vedi?
    Io pericoloso per la salute di entrambe, ma uno spasso :-)))

    ReplyDelete
  12. Da quando non lavoro vado a far la spesa al super il meno possibile e comunque vado in orari strani, quando la casalinga media e cieca oltre che zoppa come la tua non dovrebbero esserci. Ma purtroppo ci sono e come se ci sono... Se volete fare un giro alla Esselunga di via Masaccio vi faccio da guida.
    Al cappottino viola per il ns cagnetto mi sono opposta fermamente: il viola con il rosso/blu (forza Bologna) ci sta malissimo.

    Ottime dosi per un ottimo carrotcake senza glassa per me.

    ReplyDelete
  13. Ahahahaaaa :D You made me laugh this morning in the train, when I needed it most! I already knew the story, but it was like a "director's cut" or something like that :)) (mmmh, maybe it means you write well, no??).

    I think I would have told the daughter the whole scene, with a fake naive look - and then watched her reaction ;p

    Fed is right: better talking with the dog, maybe... That's exactly what I thought with the two dogs I saw in the metro, tonight :))

    Now if you'll all excuse me, since the cake and the icing have had the time to rest, I feel it's right to honor them... ¬ ¬ *CHOMP*

    ReplyDelete
  14. How very monty pythonesque!Divertentissimo,comunque un post cosi si puo' scrivere anche fuori dall'Italia.
    Ormai la mancanza di social skills regna dappertutto.E' la globalizzazione.....

    ReplyDelete
  15. oh ma tutte tu le vai a incontrare?
    mi segno questo cake, privo di lattosio se privo di copertura... slurp!

    ReplyDelete
  16. @ Gambetto e Chiara: ma che domande fate? Il colore delle mie unghie è RICCI, mi sembra logico no?
    Idiozie a parte, non vorrei dare descrizioni simili a quella della tizia da me appena criticata, perché è un colore che sembra nero ma non lo è, può sembrare color nutella ma non lo è, può sembrare melanzana ma non lo è, perché varia a seconda della luce. vi linko una foto che è meglio :-D

    http://www.vexinthecity.com/2010/08/chanel-paradoxal-vs-models-own-purple.html

    @ Ale: ahhahaha grazie, essere linkata da te su FB è per me solo un piacere :-D
    Non ci credo che la creatura abbia i capelli beige, sono sicura siano biondi :P

    @ Fed: veroooo, se la tipa fa un indentikit siamo rovinati!!!!!
    Meglio il cane sì!

    ReplyDelete
  17. @ Acquaviva: puoi scommetterci sullo sguardo spietato!
    (felice di averti fatto sorridere)

    @ Mammazan: io a quel punto non riesco più ad esprimermi a parole, il rischio per lei era quello di dover necessitare di un secondo gesso, e quindi ho preferito evitare :P

    ReplyDelete
  18. @ Marco: ti ringrazio dell'invito!

    @ Stefania: mi sa che hai davvero ragione, all'estero un post uguale a questo difficilmente avrebbe visto la luce :-DDDD
    Il cane rosa/nero però col pelo rosa e cappottino nero eh!

    ReplyDelete
  19. @ Araba: ma assolutamente sì, dobbiamo far carriera in questo campo!!!!
    Però facciamoci seguire dalle telecamere così vendiamo anche gli episodi alle tv di tutto il mondo :P

    ReplyDelete
  20. @ Silvia: ma anche io cerco sempre di andare in orari strani, solo che se IL MALE sta seduto alla cassa, diventa più difficile evitare...
    Oh sì, organizziamo una gita alla Esselunga, facci da guida che così ci spanciamo dal ridere!

    ReplyDelete
  21. @ Zeb: even the dog was rolling his eyes, so imagine...
    True you had the DVD bonus of this story! :-D

    @ Edith: I'm afraid you're right! La mancanza di social skills regna soprattutto se alla cassa di una qualsiasi città del mondo vi è seduta un'italiana :-DDDD

    @ Nora: sono loro che mi inseguonoooooooooo :-P

    ReplyDelete
  22. Ricci?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!
    Oh my God...
    ahahahahahahaha

    ReplyDelete
  23. Molto divertente il tuo post! Purtroppo o x fortuna di gente strana al mondo ce ne è tanta!!!! Ma meglio così, almeno ci facciamo una risata!

    ReplyDelete
  24. mmm umidina e invitante questa tortina di carote, che voglia di un assaggio! simpatico il tuo blog, ti seguo! :)

    ReplyDelete
  25. @ More: esatto! Per fortuna c'è sta gente in giro, così ci facciamo due risate ;-)

    @ Passiflora: te ne offro una fetta molto volentieri! ;-)

    ReplyDelete
  26. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    ReplyDelete