Wednesday, 26 January 2011

Quando ti trovi a dover scegliere fra Mondrian ed Hitchcock, alla fine scegli...

di andare a salutare le Ninfee di Monet e di andare a versare una lacrimuccia davanti alle pennellate di Van Gogh.

Click sulla foto per ingrandirla





La retrospettiva di Hitchcock mi attirava tantissimo, lui è sempre stato uno dei miei miti fin da quando ero bambina, credo di sapere morte e miracoli su di lui (anche se sicuramente prima o poi salterà fuori qualcosa che ancora ignoro...)
La Cinémathèque Française di Parigi ha organizzato una bella cosa per quanto riguarda conferenze e calendario dei film, per il resto pero' c'è qualcosa che non mi convince e mi fa pensare che non valga il prezzo del biglietto...
Magari mi sbaglio, ma ho questa sensazione.
La documentazione che ho in mano non dice granché, il sito è un po' vago, e le informazioni non mi sono sembrate molto chiare, in più aggiungetevi che ho sempre i minuti contati per cui le mie scelte devono essere veloci, sicure, e possibilmente soddisfacenti.
Tornando al prezzo del biglietto (12 euro, e ancora non ho capito di preciso per vedere cosa) io sarei pronta anche a pagare il doppio per vedere vedere i suoi layout originali, gli script, foto, backstage, attrezzatura, etc...insomma, qualcosa che ancora non ho visto.
Non mi pareva che la mostra offrisse granché, per cui ,alla fine ho deciso di lasciar perdere.

Altro chiodo fisso era quello di andare a vedere Mondrian al Pompidou, ma poi sinceramente, anche li'...12 euro per vedere una copia della sua stanza-studio-appartamento di Parigi (visto che quello originale in Rue du Départ è stato demolito negli anni '30) mi sembrava un po' una presa per il culo.
Il fatto che venga nominato De Stijll ("Lo Stile", fondato con Van Doesburg) mi lascia ben sperare, ma non vorrei che fosse solo uno specchietto per le allodole. Tanto lo so che se ho tempo per farlo ci casco e vado a vederla sta benedetta exhibition! Anche se dovessi farlo solo perché Mondrian era Olandese (difatti il suo vero cognome era Mondriaan).

Foto à la cazz de chien français

Cosi', colta da forti dubbi riguardo queste due mostre, mi sono fiondata al Musée d'Orsay con l'intento non solo di fare un salutino al mio amico Van Gogh (per il quale nutro un affetto smisurato), ma anche con quello di scattare tutte quelle foto che desidero fare da troppo tempo e che non sono mai riuscita a scattare, per un motivo, o per l'altro.

E cosa potrà essere mai successo???
Lo saprete col prossimo episodio di: "Anche i cialtroni piangono"

10 comments:

  1. Dopo Veronica Castro a fare Mariana, Muscaria Cialtro ad interpretare Amar(i)ena una ragazza illusa dal mondo dell'arte che gira in cerca di certezze culturali ma che al momento oltre Starbucks coffee non va! :D ahahahahahahahahhahah
    Che ne pensi Amar(i)ena?! :P

    ReplyDelete
  2. ...io ieri mi sono beccata una botta di parachiulo, da messer Gambetto, per molto meno... :-D :-D :-D
    e mo'???????
    ale

    ReplyDelete
  3. l'ho sempre detto che devo a trasferirmi a Parigi!! mi piazzi tre dei miei artisti preferiti in un unico post e non posso che soccombere oppure faccio la valigia e vengo a trovarti, perchè tu sarai London-inside ma io adoro Parigi (e soprattutto non sono mai stata a Londra)

    ReplyDelete
  4. Non e' stato Hitchock,nel visitare un posticino
    nel countryside inglese,a dire: "...it's a lovely place for a murder...? O forse sogno..
    Chiaramente aspetto il prossimo episodio di "Anche i cialtroni piangono"..
    Love

    ReplyDelete
  5. Certo che i Cialtroni ultimamente stanno facendo un sacco di cose: costruiscono palinsesti TV, mangiano, piangono... what else? :-D

    Cara Regina dei Cialtroni, sappi che ieri sera sei stata nominata da due FOOLbloggers, che ricordando Erasmo hanno fatto l'Elogio della Cialtroneria... :-D

    ReplyDelete
  6. ...... e io ...ridendo..aspetto.... il sequel....baciiiiiiiii, Flavia

    ReplyDelete
  7. Approposito di Hitchcock, da qualche tempo l'ascensore di casa mia ha iniziato a fare uno strano cigolio e ogni volta che si muove mi aspetto di vedere una mano che mi pugnala da dietro alle porte.
    Zin! Zin! Zin! Zin! Zin!
    Ovviamente è solo un'impressione perché io non faccio la doccia nell'ascensore.

    ReplyDelete
  8. @ Gambetto: pensa che ho dovuto cercare su google Veronica Castro, perché non mi ricordavo chi diamine fosse! :-DDDDD

    @ Ale: ahahahaha ma Gambetto lo sa che per gente come noi, parachiulo, è un complimento? :P

    @ Gio': ecco perché adori Parigi, perché non sei mai stata a Londra!!! :-DDDD
    Scherzi a parte, Parigi è meravigliosa, ma Londra è un altro pianeta.
    Fai la valigia e vieni qui, cosi' andiamo a vedere anche gli altri due che mi mancano! :P

    @ Edith: direi proprio di si'! E se non è stato lui a dirlo, vuol dire che lo abbiamo sognato in due :-D
    E secondo me lo ha pensato poco prima di girare "The Trouble With Harry" (in Italia "La congiura degli innocenti")

    @ Mapi: what else? I cialtroni non trovano il tempo per postare aaaaaaaaaaargh!!!
    Ahahahahah, essere nominata da due FOOLblogger è per me un grandissimo onore (sono anche curiosa a questo punto!) e sempre citando Erasmo, si potrebbe anche fare l'Elogio della FOOLia :P

    @ EliFla: il sequel arriverà, ma sul serio, quando riesco a ritagliarmi un po' di tempo per il blog non connetto più perché sono troppo stanca, difatti non riesco nemmeno a seguire i vostri movimenti :-/

    Bacioni anche a te!!!

    @ Auramaga: se esistesse un Oscar per i commenti in questo momento lo darei a te, le ultime due righe del tuo commento mi hanno fatto venire voglia di prendere la metropolitana (per poi rimanere bloccata 40 minuti in una stazione inutile, come è giustamente capitato ieri pomeriggio) venire a bussare da te, e darti un bacio accademico
    :-D

    ReplyDelete
  9. Ti sei consolata bene, al d'Orsay si va sempre volentieri, ripetutamente....anch'io sono curiosa di leggere il seguito
    Ciao
    Cris

    ReplyDelete
  10. :D
    In tal caso ti sconsiglio l'ascensore di destra... è davvero inquietante.

    ReplyDelete