Sunday, 5 December 2010

Pepernoten, Kruidnoten, Bischopswijn, en... Gelukkig Sinterklaas!!!!



Chiudete gli occhi ed immaginate di essere in Olanda (ora però riapriteli per leggere il post!) perché quella di stanotte per gli Olandesi sarà una notte davvero speciale...
Sinterklaas arriverà con i suoi doni, i divertenti messaggi in rima, le lettere dell'alfabeto di cioccolato grosse come una mano, e le manciate di pepernoten e kruidnoten lanciate un po' ovunque, persino dentro al letto!
E si sentirà ovunque un gran profumo di vino caldo insaporito con spezie ed agrumi.

(E a me tutto questo manca tantissimo...)

Insieme a lui ci sarà Zwarte Piet a dargli una mano, e... attenti a non confondere Sinterklaas con Santa Claus, perché non sono la stessa persona!



Carta di Identità

Chi è quindi Sinterklaas?

Sinterklaas è San Nicola, in Italia meglio conosciuto come San Nicola di Bari, che nulla però ha a che vedere col cantante, eh! Era infatti un Vescovo cristiano del IV secolo, della città di Myra (vecchia città dell'attuale Turchia).

La Storia

Fu un uomo di grandi intuizioni, una persona speciale, non solo per aver reso felici molti bambini, ma anche perché è proprio grazie a lui che sono nate le nostre tradizioni natalizie.
Rendendosi conto del fatto che gran parte dei bambini, a causa del freddo invernale, non avevano la possibilità (o la voglia) di uscire di casa per recarsi in chiesa, decise di cambiare le carte in tavola: convinse i parroci della sua diocesi a recarsi personalmente dai bambini portando loro un regalo, cogliendo così anche l'occasione per spiegare chi fosse Cristo e cosa avesse fatto per l'intera umanità.

I parroci iniziarono quindi l'opera di distribuzione, indossando pesanti soprabiti rosso scuro, portando con loro un sacco pieno di regali, e... viaggiando a bordo di una slitta trainata da cani.
Vi ricorda qualcosa?

Da qui nasce Sinterklaas, che ha dato a sua volta origine anche al mito Americano di Santa Claus.
E poi lo sappiamo tutti che New York in passato era un possedimendo Olandese e che si chiamava New Amsterdam, no?


Riassumendo: 

Sinterklaas non viene dal Polo Nord, non ha renne, non ha folletti, e non indossa un cappello rosso col ponpon.
Arriva in piroscafo dalla Spagna, insieme al suo aiutante di colore (Zwarte Piet *Black Pete*), ma gli aiutanti possono essere più di uno (in tal caso "Zwarte Pieten").
Indossa una mitra, abiti rossi, e cavalca un cavallo bianco.
(ho detto una mitra, non un mitra!)

La leggenda: 

Sinterklaas vola sui tetti col suo cavallo bianco, i suoi aiutanti scendono nei comignoli per lasciare i doni nelle scarpe che i bambini lasciano vicino al caminetto.
Spesso, questi ultimi, lasciano nelle loro scarpe anche una carota per il cavallo.

Cosa succcede VERAMENTE in Olanda:

Sinterklaas e i suoi aiutanti arrivano in Olanda via mare, partendo dalla Spagna.
E ogni volta attraccano in un porto diverso.
Vengono ricevuti dal Sindaco e dai cittadini.
Talvolta arrivano con largo anticipo, e cioè a metà Novembre, giusto in tempo per la parata annuale che rappresenta l'inizio della "Stagione di Sinterklaas"
Le settimane a seguire vengono utilizzate per valutare il comportamento dei bambini, anche girando le varie scuole.
In breve: sono stati bravi o cattivi durante l'anno?
Ha un grosso libro rilegato in pelle, e lì dentro ci sono tutte le informazioni.

I bambini si siedono a turno in grembo, rispondendo alle sue domande.
E non possono mentire, perché se lo faranno verranno messi nel sacco e portati in Spagna nel viaggio di ritorno!




Cosa succede nelle case Olandesi:

Quel che viene regalato in questa ricorrenza è sempre accompagnato da una sorta di poesia, di solito decisamente ironica, o comunque divertente, poesie in rima che ricostruiscono il comportamento di chi le riceve, o che sottolinano gusti o vari aspetti della persona.

Per i bambini è sempre una sorpresa, per gli adulti è una sorpresa comunque perché non sai chi ti ha regalato cosa, te ne puoi accorgere forse dalla calligrafia o da quel che scrive, ma mai saprai in maniera esplicita chi ti ha regalato questo o quello. Anche perché i regali sono tutti assieme, dentro ad un sacco di juta, devi solo pescare e vedere a chi appartiene quel che hai preso in mano.
E anche quando sospetti che quell'oggetto te lo abbia regalato tizio, non dovrai ringraziare lui, lui negherà fino alla fine, devi guardare in alto e ringraziare Sinterklaas.

Tutto questo accade ogni anno nella notte del 5 Dicembre, quando si è tutti seduti attorno ad un "contenitore da punch" (non saprei come chiamarlo in italiano) colmo di profumatissimo Bischopswijn caldo, ovvero di vino caldo con arance e spezie.
Altri regali che riceverai sono la gigantesca lettera iniziale del tuo nome in cioccolato (può essere fondente, al latte, o bianco, ma anche tutti e tre)


E mangerai anche un sacco di pepernoten, kruidnoten, speculaas, dolci ripieni di marzapane, etc.

Per festeggiare Sinterklaas insieme a voi, ho quindi deciso di regalarvi 4 ricette +1:
quella dei Pepernoten, quella dei Kruidnoten, quella del mix di spezie per fare questi biscotti (ma anche gli speculaas), quella del Bischopswijn, e quella dei Pepernoten Mutanti.

PEPERNOTEN

- 110 gr di farina autolievitante
60 gr di burro
- 50 gr di zucchero di canna
- 25 gr di sciroppo d'acero
- 1 cucchiaio di misto di spezie per biscotti

Mischiate la farina col cucchiaio di spezie.
In un pentolino fate sciogliere il burro con lo zucchero e lo sciroppo d'acero.
Togliete dal fuoco ed aggiungete il composto alla farina speziata, mescolate bene il tutto e mettete l'impasto in frigo a riposare per due ore.

(Oppure potete far riposare solo il burro sciolto con lo zucchero e lo sciroppo d'acero in frigo, e due ore dopo aggiungervi la farina e lavorare il tutto con le mani. Funzionano entrambi i metodi)


Trascorse le due ore accendete il forno, e lavorate l'impasto con le mani fino ad ottenere un panetto liscio che non si attaccherà più alle mani (tempo di lavorazione, pochissimi minuti)
Formate una sorta di salamino con le mani e da lì formate le palline (potete anche dare una forma cubica, o tonda, scegliete voi)
Cuocete in forno a 180° per una ventina di minuti (io li faccio cuocere su carta da forno)
Pepernoten e Kruidnoten possono sembrare simili d'aspetto ma hanno un sapore ed una texture diversa.
I Pepernoten assomigliano come consistenza agli omini di gingerbread anche se sono più spessi, mentre i Kruidnoten sono più... come dire, "crispy", come gli speculaas.

Sono facilissimi da preparare, come potete anche vedere in questo video:
(lui usa un metodo un po' diverso dal mio, ma funzionano entrambi, a voi la scelta!)





KRUIDNOTEN


- 100 gr di farina autolievitante
- 50 gr di burro
- 50 di zucchero di canna
- 2 cucchiai di latte
- 1 cucchiaio di misto di spezie per biscotti

 Mischiare tutti gli ingredienti, formare delle palline, e mettere in forno per 15-20 minuti a 180°



MISTO DI SPEZIE PER BISCOTTI 


- 30 gr di cannella in polvere
- 10 capsule di cardamomo 
- 1 pezzo di zenzero fresco
- 10 gr di noce moscata
-  5 gr di pepe bianco
-  5 gr di semi di anice
-  5 gr di semi di coriandolo
- 10 gr di chiodi di garofano


In un mortaio pestate i semi di cardamomo contenuti nelle capsule, insieme a quelli di coriandolo, a quelli di anice, e ai chiodi di garofano.
Mischiate la polvere ottenuta con le altre spezie.
Grattugiate lo zenzero fresco e mischiatelo al resto.
Eventualmente, se necessario, filtrare il tutto con un colino.
Quel che vi avanza tenetelo al buio e al fresco.



BISCHOPSWIJN


-   1 bottiglia e mezzo di buon vino rosso
-   2 arance
-   1 limone
-   una quindicina di chiodi di garofano
-   4 stecche di cannella
-   mezza tazza di zucchero semolato (60 gr)

Mettere il vino in una pentola larga dal fondo spesso.
Infilzate con i chiodi di garofano le arance ed il limone e aggiungeteli al vino (gli agrumi lavati e sbucciati) insieme alle stecche di cannella.
Far cuocere a fuoco lentissimo, l'ideale sarebbe farlo per tre ore.
Il liquido non dovrà mai raggiungere il punto di ebollizione, per evitare che l'alcool evapori.
Aggiungete lo zucchero a fine cottura, fatelo sciogliere bene e spegnete il fuoco.
Togliete le arance, il limone e le stecche di cannella e servite.
Potete anche a questo punto aggiungere al vino caldo delle fette di arancia fresca.
Se non lo imbottigliate e lo servite tipo "punch" allora potete anche lasciare sia le stecche di cannella che gli agrumi infilzati, e aggiungere appunto le fette di arancia.



PEPERNOTEN MUTANTI (quelli della foto)

Questa versione nasce esclusivamente per sbadatezza della sottoscritta.
Dovete sapere infatti che, dieci minuti dopo aver infornato i pepernoten mi sono ricordata di essermi dimenticata di aggiungere alle spezie l'ingrediente essenziale: lo zenzero!!!!!
Roba da sbattere la testa contro il muro.
Così, non sapendo come fare perché ormai i biscotti stavano ormai prendendo forma, ho deciso di fare un esperimento (riuscitissimo!) ho preso la sacra microplane, ho grattugiato un pezzo di zenzero fresco, e l'ho mischiato con lo zucchero a velo, ma a quel punto era troppo forte.
Ho aggiunto un po' d'acqua ed ho ottenuto una fantastica glassa allo zenzero.
Inizialmente era ancora un po' troppo forte, così ho aggiunto altro zucchero a velo ed altra acqua fino ad arrrivare alla consistenza e sapore desiderato.

Ed è così che sono nati Pepernoten cialtronglassati!

Oh merda, mi sono dimenticata lo zenzero!

Cialtrontrucco! Questo è più che un barbatrucco!








Buon Sinterklaas a tutti!!!!! 

PS: Sinterklaas non è solo il Patrono di Amsterdam, ma è anche patrono dei bambini, degli scolari, dei panettieri, dei marinai, mercanti, farmacisti, avvocati  e detenuti.
Quindi anche dei cialtroni!!!!

29 comments:

  1. Si lo so che Santa Claus e San Nicola di Bari non sono la stessa persona..però se guarde le icone antiche..San Nicola ha una bellissima barba bianca....ha dei vestiti decorati troppo belli..... insomma ci assomiglia tanto BAbbuccio Ntalae a Coluccio bello!!! Ciao cara..ora mi leggo bene bene tutto il post.....bacionissimi!!!

    ReplyDelete
  2. @ EliFla: non ti darò nessuno spoiler, perché se non hai ancora letto il post ti rovinerei la lettura, la connessione fra esiste fra Sinterklaas, Babbo Natale, e Coluccio bello :-DDDD

    ReplyDelete
  3. Look, it's not complicated: I loved everything in this post ;D
    It made me feel good and in the Christmas spirit (something nearly impossible with the everyday life here).
    It also made me hungry with all those yummy cookies (yeah for the cialtrona version :P) and the hot wine! And I'm going to make them: they are so simple, even for a newbie like me :))
    It made me laugh and want to sing along with the videos :))
    It made me want to jump on a train with you and travel to Holland to party with them, because I just love their way of doing ^^ It will inspire the way I celebrate Christmas (and Sinterklaas, of course) with you in the future ;)
    And finally, it made me more cultured in a funny way!

    Clap clap clap! Kustje to you ^_____- And buon Sinterklaas to all :o

    ReplyDelete
  4. @ Zeb: thank you, I'm happy you liked it ;-)
    Oh be sure you'll experience the Sinterklaas spirit really soon :-DDD
    Yes they really know how to party, they transform anything in an event that will involve any living creature :-P

    Kusje back à toi ^_____^

    ReplyDelete
  5. un ulteriore motivo di infelicità, per essere nata qui e non aver saputo espatriare in tempo :-((((((
    guarda un po' che fortuna che ha avuto, Nicola di Bari, che ha trovato il coraggio di andarsene? altro che "la prima cosa bella" :-))
    ti linko su FB,
    ciao
    ale

    ReplyDelete
  6. Fantastica la prima Cialtronata della settimana!!! :-D
    Innanzi tutto ho imparato la storia di San Nicola che non conoscevo, con tutto che da noi in Sicilia San Nicola si festeggia (scoprendo socraticamente così, quello che già sapevo: che sono di un'ignoranza crassa).

    Poi mi sono divertita a leggere dei Pepernoten Cialtroni, che secondo me sono perfino migliori di quelli originali.

    Infine ho scoperto che anche i Cialtroni, oltre a mangiare, hanno un patrono. Che cosa posso desiderare di più? Ma provare tutte le ricette che ci hai indicato, naturalmente!!! :-D

    Un abbraccione fortissimo e cialtronissimo e buon Sinterklaas!!! :-D

    ReplyDelete
  7. La questione di s nicola me la aveva già raccontata una mia amica svizzera, ma tu hai riempito un bel po' di altre incredibili lacune!! Bellissimo il post e le ricette: le tre golosastre apprezzerebbero una prova pratica.... Un bacione e buona giornata
    dani

    ReplyDelete
  8. Bellissimo il tuo post. E splendide ricette. Grazie!

    ReplyDelete
  9. la parte che mi è piaciuta di più è: cosa succede davvero? Che non puoi mentire o ti portano in Spagna...
    Uh, no... forse quella che mi è piaicuta di più sono le cialtromutazoni dei biscotti.

    ReplyDelete
  10. Ho vissuto ad Amsterdam solo tre mesi, am ero lì proprio in questo periodo e in questo momento sto versando fiumi di lacrime al solo pensiero...
    Mi dolgo profondamente anche io per non aver saputo cogliere in tempo la possibilità di espatriare quando ne avevo la possibilità!!!
    P.s. C'era pure un olandese MERAVIGLIOSO pronto a sposarmi... capito che cretina????????

    ReplyDelete
  11. tra nemmeno un mese ho la mia inviata speciale in olanda..chissà se mi porta qualche dolcetto o se se li mangia tutti lei prima...
    alla brutta, me li faccio, tanto c'è la ricetta qui! (e ci metto lo zenzero! :-))) )

    ReplyDelete
  12. Bellissio questo post :)
    Sapevi che ancora oggi in Italia arrivano parecchi gruppi di pellegrini cristiani ortodossi a pregare sulle reliquie di San Nicola...insomma il santo è unico...ma ha generato una serie di rimandi infiniti che dalla Pugia approda anche al nord europa caratterizzandosi di volta in volta con usi e costumi leggermente differenti. Solo la sua figura resta il comune denominatore di tutto, dalla Russia passando per la Turchia, Grecia approdando in Italia a Bari e Venezia per poi fare il periplo dell'Europa arrivando in Olanda...
    Homer direbbe:"Miticoooo!!" :DDD
    Non è rilevante per quello che hai scritto ma "ho detto una mitra, non un mitra!" mi ha fatto fare una sonora risata...solo tu potevi mettere un inciso pulp in quel modo! :P eheheheheeheheh
    Ottime le ricette e bella anche la glassa cialtrona in perfetto stile Muscaria! :PP
    Già vi vedo con Zebulon sul treno, felici e con le schiocche rosse in faccia a mangiare ed a distribuire doni non firmati :PPPP

    ReplyDelete
  13. Ti dico solo questo: ho salvato questo post per potermelo rileggere quando voglio e per allegarlo ad una e mail da inviare ai miei figli....
    Mi piace molto il tuo blog e moltissimo anche tu..per questo il tuo blog è bello ed interessante...ti rispecchia completamente!!!
    Un abbraccio!

    ReplyDelete
  14. che gran bel post, tutte cose che non conoscevo dell'Olanda, siamo tutti oramai omologati a santa klaus che dimentichiamo san nicola e santa cristina in svezia, grazie per gli interventi nel mio blog molto pertinenti e completi

    ReplyDelete
  15. Certo che .. Sinterklaas & Zwarte Piet in piroscafo proprio mi sfuggivano ...
    :)
    Ho letto avidamente i cenni storici e più attuali di questo fantastico periodo dell'anno che hai descritto, davvero interessante, grazie!
    Per quanto riguarda le 4+1 ricette offerte io scelgo il BISCHOPSWIJN, che si sa, non guasta mai del buon vino caldo speziato mentre si aspetta Santa, Sinter e compagnia bella!
    :)
    Sono capitata sul tuo blog per caso inseguendo delle scotch eggs, da oggi ti seguo anch'io, adoro il tuo modo di scrivere (e di cucinare, of course!)!
    A presto ciao ciao

    ReplyDelete
  16. bellissimo post che mi fa ritornare bambina quando si festeggiava (oltre al natale!) san niccolò , da parte della mia nonna istriana...
    credo che questo mio san niccolò dei tempi andati, sia parente prossimo (se non lo stesso personaggio ) del tuo! i regali? mandarini, arachidi e dolcetti simili ai tuoi! grazie per questo dolce remeber! a presto

    ReplyDelete
  17. @ Ale: il punto è che a volte sarebbe meglio non sapere. La vita in Olanda è di tutt’altra qualità, e una volta che la assaggi non riesci più a vedere le cose come prima :-/

    Grazie ;-)


    @ Mapi: Oh non lo sapevo, e in Sicilia lo si festeggia in maniera particolare?

    Ma sai che anche a me i Pepernoten Cialtroni sono piaciuti più di quelli originali? Ora mi arriva uno zoccolo olandese in testa, come minimo :P

    Cialtronissimi baci e Buon San Nicola!!! :-D


    @ Daniela: ooooh che bello rivederti qui :-)
    Grazie ed un bacione anche a te!!!! Le tre golosastre credo apprezzerebbero molto le ditate nella glassa (come ho fatto io :P)


    @ Patrizia: ti ringrazio tantissimo, e benvenuta!!!


    @ acquaviva: sto ridendo da sola per il cosa succede davvero e la storia della spagna :-D
    Le cialtromutazioni sono fra noi!!!

    ReplyDelete
  18. @ Stefania: allora tu puoi capire!!!!
    L'Olanda è difficile da dimenticare, non solo perché ha una popolazione spettacolare, ma anche perché è bellissima, quasi irreale.

    @ madama bavareisa: ricattala, e fatti portare anche gli stroopwafel!!!! (E quando te li porta mettili in forno per un paio di minuti prima di mangiarli :P)

    ReplyDelete
  19. @ Gambetto: grazie!
    Eh sì, San Nicola ha veramente lasciato il segno un po' ovunque! ;-)
    Il problema di andare in treno con Zebulon a distribuire doni è che se questi sono di tipo commestibile, non so cosa in effetti possa arrivare a destinazione... :P

    ReplyDelete
  20. @ Mammazan: ne sono onorata… grazie per le tue bellissime parole ;-)
    Un abbraccio anche a te!


    @ Gunther: il bello di essere tutti sparsi qua e là nel globo (e di poter comunicare attraverso questo mezzo) è che ci permette di arricchirci a vicenda, ogni giorno, con qualcosa di nuovo :-)
    Grazie a te, che sei una fonte inesauribile di informazioni!


    @ meggY: buona scelta! Il Bischopswijn riscalda il cuore e l’anima :P
    Ahaaaaa sono felice che le scotch eggs ti abbiano portato qui, e ti ringrazio tantissimo per tutto!!! ;-)

    @ laroby: sono sicurissima che San Niccolò sia sempre lui ;-)
    E’ vero anche i mandarini!!! Me li ero dimenticati.
    Grazie a te!!!

    ReplyDelete
  21. La storia olandese era interessantissima e le foto sono sempre da foodporn =D

    ReplyDelete
  22. @ Cey: foodporn forever!!! :-DDDD

    ReplyDelete
  23. Ma questo articolo è bellissimoooo!! Io adoro queste tradizioni così radicali, così semplici ma ricche di calore e dolci sentimenti (oltre che dolci golosità). Non conoscevo niente di tutto ciò (cioè, conoscevo la festa di S. Nicola a Bari ma non avevo idea del parallelo olandese), adesso vorrei proprio trovarmi almeno una volta lassù, per partecipare ai festeggiamenti.

    ReplyDelete
  24. Mi piacciono, so già che mi piacciono...
    Quando passo per prendere la mia parte? ^_^
    un abbraccio, Antonia

    ReplyDelete
  25. :)))

    Bello questo post.

    A questo punto Grazie Sinterklaas!!!

    (anche se ormai dovrebbero ringraziare solo i commercianti e i ristoratori...almeno da noi abitanti dello Stivale)

    ;-)

    ReplyDelete
  26. ottima ricetta ma soprattutto grazie di averci fatto scoprire una nuova tradizione!

    ReplyDelete
  27. ciao io ho una infiammazione al nervo ulnare oltre qua qualche dito rotto, ci facciamo compagnia di sventura? :-)) buona giornata

    ReplyDelete
  28. @ Auramaga: infatti il bello di questa festa è che nella sua semplicità ti coinvolge tantissimo, è una sorta di oasi nel mare del natale "commerciale".
    In più loro si fanno Sinterklaas e pure Natale! Doppia festa :-D

    @ Antonia: passa a prenderti la tua parte quando vuoi, sei sempre la benvenuta ;-)

    @ Ziopiero: ma è giusto così, anche commercianti e ristoratori devono mangiare e comprare i regali alle loro famiglie :-)

    @ Lucy: grazie a te per la visita ;-)

    @ Gunther: a questo punto brindiamo (col braccio sano magari!) :-DDDD

    ReplyDelete
  29. I miei figli sono italo-belgi fiamminghi e per noi san Nicola è un must! Recentemente mia figlia di 5 anni mi ha chiesto pechè san Nicola, nonostante sia olandese, abbia deciso di vivere in Spagna... che dire?

    ReplyDelete