Monday, 20 December 2010

Chai Latte



Quando stai camminando per strada e ti accorgi che le tue unghie sono viola, nonostante quel giorno tu non ti sia data lo smalto, che le tue guance sono rosse e sul tuo passaporto non c'è scritto Heidi, che il tuo naso assomiglia a quello di un pagliaccio ma nessuno ti paga per far ridere i bambini, che i guanti sono diventati la tua seconda pelle al punto che hai rischiato più volte di insaponarli quando vai a lavarti le mani, ma soprattutto se, osservando i pinguini che ti passano a fianco facendoti ciao ciao con la manina, ti accorgi di aver dato un nuovo significato al concetto di "popolazione mista", allora, è giunto il momento di farsi un Chai Latte!

Bevuto a Londra, da Caffè Nero, e riprodotto con successo.





Ingredienti:

- Acqua
- un pezzo di cannella
- qualche seme di cardamomo
(5-6 ma anche di più se preferite)
- qualche chiodo di garofano
(come sopra)
- una o due fette di zenzero fresco
(anche qui lo spessore a seconda dei gusti)
- Zucchero
- Tea
- Latte
- Cannella in Polvere

Mettete in un pentolino l'acqua, il pezzo di cannella, il cardamomo, i chiodi di garofano, e lo zenzero.
Portare ad ebollizione.
Coprite, abbassate il fuoco, e lasciate "cuocere" a fuoco lento per una decina di minuti.
Aggiungete lo zucchero, fatelo sciogliere, e spegnete il fuoco.
A questo punto, sempre a fuoco spento, aggiungere il tea e coprite per qualche minuto (dipende dal tipo di tea usato, e da quanto lo volete forte, solitamente 2-3 minuti sono sufficienti)
Di solito, in questo caso, si usa il Darjeeling, tea molto apprezzato in UK, talmente tanto da essere considerato lo "Champagne dei Tea"

Filtrate il tutto.

Ora arriva la parte più difficile se non avete modo di creare una schiuma di latte come quella del cappuccino.
Io ho questa meraviglia della Frabosk da cui sono ormai dipendente da svariati anni...


Ma esistono anche altri modi per ottenere la schiuma, ovviamente.

A questo punto, riempite la tazza con 3/4 di tea e riempitela con 1/4 di schiuma di latte caldo.
Spolvererate con la cannella in polvere. 

E' perfetto in questa stagione: caldo, curativo, vi farà passare qualsiasi malanno, e vi coccolerà tantissimo.
Fra l'altro, è perfetto anche col panettone, visto il periodo!

Io infatti, per amore della scienza, l'ho bevuto accompagnato da un mini-panettone (che era persino buono e morbidissimo!!!)






Buon Chai Latte, e buona giornata a tutti (sì, anche ai pinguini!)


14 comments:

  1. capperi! Quella diavoleria con lo stantuffo giace in cucina da anni e non l'ho mai usata! E' ora di provarla con questo Chai latte che promette molto bene! un bacione e copriti mi raccomando......

    ReplyDelete
  2. Pensa te!!!!
    Ho tutto compreso quel bell' aggeggio della Frabosk che giace negletto non so dove....
    Mi manca lo zenzero fresco che compro regolarmente e penso di usare a breve poi anche quello finisce nella pattumiera
    Col freddo che fa devo preparare una scodella di questo the meraviglioso per poterci tuffare anche le dita delle mani che, a differenza delle tue, diventano bianche e devo contarle per vedere che ci sono ancora tutte...
    Ancora niente auguri,,ci vediamo presto!!!!

    ReplyDelete
  3. Delicious! :P~ I'd like several cups of chai latte and also a (big!) panettone, because I am currently freezing in my office, despite the heating :))*brrrrr*

    "Ciao ciaooooo!"... Aaaaaargh!! :D

    ReplyDelete
  4. Cara Heidi solitamente certe bevande non sono nel mio DNA ma il fatto che siano di cialtronesca origine mi fa sempre pensare che mi sto perdendo a ragione qualcosa! :D
    Probabilmente diminuirò lo zenzero...ma saddà-provà!!! eheheheeheh :DD
    PS
    Un saluto a Peter Zebulon! :PP eheheheheheh

    ReplyDelete
  5. Oddio, ma io ti adoro!!! Quel coso per fare la schiuma funziona davvero?? Lo voglio, lo voglio!!
    Caro babbo Natale...

    ReplyDelete
  6. ...Vuoi dire che esiste al mondo il vin brulé dei tea? Il Tea Brulé con schiuma di latte? Ma è fichissimo questo Chai Latte!!!! :-p

    Il cappuccino creamer della Frabosk non ce l'ho: l'ho corteggiato quando era uscito, ma all'epoca le mie scarse finanze erano tutte destinate a cose più essenziali. Quasi quasi però adesso mi metto a cercarlo... chissà se lo producono ancora...

    Un bacione carissima!!!

    ReplyDelete
  7. @ Chiara:
    Tira fuori immediatamente quella diavoleria, è un peccato lasciarla ferma! :P

    @ Mammazan: ma come non sai dove!!!! Anche tu, come Chiara, salvalo dal suo letargo e mettilo subito in azione (e no, la Frabosk non mi paga per dirlo, però se vuole pagarmi io accetto volentieri eh!!! :P)

    @ Zeb: big panettone will be!!!! :P

    @ Gambetto: guarda provalo e vedrai: ti soooorrideranno I mooooonti :-DDDDD

    @ Auramaga: funziona???? Ma è praticamente come avere la macchinetta del bar in casa.
    Il cappuccino viene così bene che uno fa fatica a crederci!
    Esiste di varie misure, ti consiglio di non prendere quello piccolo o medio, ma piuttosto il più grande (che è indicativamente un palmo, e no, ricordiamoci di nuovo che l’unità di misura in questo caso non è la mano di Gianni Morandi!)

    @ Mapi: ahahahaaa sì!!! :P
    Oh devi immediatamente porre rimedio, vale la pena comprarlo! E’ vero costava uno sproposito, il primo uscito secoli fa lo avevo pagato una cosa tipo 120 mila lire, ora costa molto meno!
    E se hai intenzione di comprarlo, prendi l’originale perché le imitazioni sono una fregatura.
    Ne avevo comprato uno medio in un mercatino in Sardegna, e dopo il primo utilizzo, ero io quella che faceva schiuma, dalla rabbia però!
    Sì, lo producono ancora, anzi ora si sono evoluti. Prima esisteva solo la taglia grande, ora c’è la media, la piccola, la microscopica.
    Poi c’è la versione antiaderente e quella classica in acciaio inox.
    Consiglio la taglia grande in acciaio.

    Un bacione anche a te!!! :-)

    ReplyDelete
  8. questo incrocio tra il caffè bianco arabo, il tè al latte indiano ed il tè delle 5 inglese mi fa tanto colonial...
    Sarà per quello che mi acchiappa un casino?!

    ReplyDelete
  9. passo solo per farti gli auguri di buon natale e felice anno nuovo, ci sentiamo a gennaio, ciao

    ReplyDelete
  10. Questa mattina sono partita in spedizione punitiva, ma non l'ho trovato :(
    Non ho avuto il tempo di guardare su internet.
    Comunque grazie dei consigli.

    ReplyDelete
  11. sarà buonissimo!
    qui abbiamo seri problemi con il latte, ma proveremo una versione ridotta..bè ne verrà fuori un tè super speziato, non un Chai latte, ma le tonsille doloranti apprezzeranno comunque.
    buone feste!!

    ReplyDelete
  12. Love darjeeling! Il problema col vero chai e' che contiene 1kg di zucchero,questa tua versione mi attira decisamente di piu'....
    Merry Xmas!

    ReplyDelete
  13. oh ma che buono che dev'essere questo latte superaromatico...!!! e se io me lo faccio qui sulle colline piemontesi vale lo stesso? di giornatine fredde ce ne sono anche qui eh? :-)
    ti faccio i miei auguroni di Buon Natale, io mi reimmergo in cucina (ho pure programmato il post di domani in automatico...^_^)!!!

    ReplyDelete
  14. @ acquaviva: hai proprio ragione! E poi figurati se gente come noi non si fa prendere da queste cose… :P

    @ Flavio: ti ringrazio, tanti auguri anche a te!!!


    @ Auramaga: azzz, mi sa che lo trovi solo in Italia sai?...
    Non mi è mai capitato di vederlo altrove in tutto questo tempo.


    @ labandadeibroccoli: problemi col latte? Presente! :P Io sono costretta a farlo con quello di soia e viene bene ;-)
    Oh no, tonsille doloranti? Buona guarigione!!! E buone feste, of course!

    @ Edith: è vero, abbondano di zucchero! Questa è una versione “blanda” :-D
    Thanks and Merry Xmas to you!!!


    @ madama bavareisa: se te lo prepari sulle colline piemontesi è persino meglio, col tempo che c’è è una vera goduria!
    Tanti auguri anche a te!!!
    Oh… io invece altro che post programmato in automatico, è già tanto riuscire a scrivere queste due righe adesso!!! AAARGH! Voglio una giornata di 48 ore!!!

    ReplyDelete