Tuesday, 15 June 2010

Hup Holland Hup! Appelflappen!!!


Questo dolce Olandese, che per certi versi può ricordare un po' lo strudel, ma strudel non è, è in verità un modo (anche poco calorico) per festeggiare l'Olanda che ieri ha vinto contro la Danimarca.
In più, è un dolce velocissimo da preparare, perfetto quindi per chi  ha poco tempo da dedicare a qualsiasi tipo di attività.



E' un periodo assurdo questo, di grande confusione, di troppe cose da fare (concentrate TUTTE nello stesso periodo, of course) di incazzature, di stress, di soluzioni da trovare nel giro di pochi secondi, di fastidiose rinunce, di  post iniziati e mai finiti per mancanza di tempo e di freschezza mentale.
In più ci sono i Mondiali!
E per una malata di calcio come me, questi sono momenti sacri.

Altra cosa che dovete sapere è che io, ad inizio Mondiali, mi sento decisamente a mio agio.
Inghilterra, Olanda, ed Italia giocano di regola in gironi diversi, per cui il problema non si pone.

Così posso alzarmi in piedi con la mano sul cuore quando c'è l'inno nazionale Inglese, e cantarlo con l'orgoglio di essere suddita della Regina Elisabetta.

Posso fare la stessa cosa quando gioca l'Olanda e cantare l'inno a squarciagola, felice di essere ancora in grado di cantarlo, e farmi scendere anche una lacrimuccia di nostalgia.

Posso guardare con diffidenza la nazionale Italiana per poi riprendere tutte le speranze guardando il grugno di Gattuso, sapendo anche che quest'anno in nazionale ci sono due giocatori del Genoa.

Ecco, finché si è a questi livelli posso convivere tranquillamente con tutte queste cose.
Il grosso problema arriva dagli ottavi di finale in poi.
Prego sempre che non si scontrino direttamente le mie squadre del cuore (almeno non subito) però è ovvio che se voglio che vincano tutte, alla fine lo scontro è inevitabile.

Solo una persona con problemi di personalità multipla potrebbe vivere tranquillamente certi scontri diretti... io invece, che di personalità ne ho solo una, vado in crisi!

Fino ad ora i Mondiali me li sono vissuti così:

- Sud Africa - Mexico: partita divertente, ma quelle "vuvuzela" o "lepatata", sapete dove gliele metterei???
Sembra di guardare la partita all'interno di un arnia!!!
O che stia per arrivare uno sciame di vespe!
Ma è possibile che non ci sia nemmeno un secondo di silenzio fra una vuvuzelata ed un'altra? Eccheccacchio!!!

(Ah, io ho tifato per il Sud Africa)


- Uruguay- Francia: ovviamente se una parte di me vuole vederli affondare, l'altra parte di me spera che vadano avanti, perché un mondiale senza i nemici non è un mondiale, e poi perché mi piacerebbe vederli sconfitti da una squadra di spessore diverso (vedi per esempio Brasile :P)

- Inghilterra- USA: abbiamo tutti sottovalutato gli americani. Evidentemente in questi ultimi quattro anni si sono dati da fare ed hanno imparato a giocare!
Il loro non è ancora calcio con la C maiuscola, ma quello giocato dall'Inghilterra (e mi piange il cuore dirlo) non è che fosse uno dei migliori mai visti.
L'Inghilterra era irriconoscibile in campo, persino Rooney non era in sé.
Speriamo sia solo confusione da prime partite e da adattamento.



- Argentina-Nigeria: me la sono persa, so però che l'Argentina ha vinto 1-0
Qualcuno di voi ha visto le reazioni di Maradona? Perché mi sono persa anche quelle, accidenti!


- Germania - Australia: praticamente come rubare le caramelle ad un bambino.

- Olanda - Danimarca: ORRORE me la sono persa!!! L'Olanda ha vinto 2-0 ma uno dei due goal è un autorete della Danimarca.
Da quel che ho letto e sentito (ora mi cercheré gli highlights) anche l'Olanda, come l'Inghilterra, ha giocato in maniera strana, non da lei.
Forse si sono accorti che non li stavo guardando? :P

- Giappone- Camerun: mi sono persa anche questa, ovviamente. Peccat,o perché il Camerun è una bella squadra da vedere in azione, peccato anche che abbia vinto il Giappone   O____O
Non me lo aspettavo...

- Italia- Paraguay: sticazzi!!! Non mi aspettavo una partita simile, e non mi aspettavo una nazionale così motivata, wooow! Nel secondo tempo abbiamo giocato bene.
Il Paraguay è veloce, e abbiamo rischiato, però ci siamo anche fatti valere.
E poi ho visto la bandiera del Genoaaaaaaaaaa fra gli spalti, non ci potevo credere!!!

Ma passiamo alla ricetta degli Appelflap (plurale Appelflappen), perché sarei persino in grado di dimenticarmi di scriverla eh!

Ingredienti:

- Pasta sfoglia
- Mele
- Uvetta
- Farina di mandorle (o mandorle schiacciate al mortaio)
- Rhum or whisky
- Gelatina di albococche
- Cannella
- Buccia di limone 
- Zucchero di canna


Questa volta ho usato la pasta sfoglia già pronta, lo so è una bestemmia, ma non potevo fare diversamente.
Erano almeno tre anni che non la comprav,o e devo dire che semplifica parecchio la vita quando non hai tempo, anche se sappiamo tutti che quella fatta in casa è tutto un altro pianeta!

Per quanto riguarda le mele io ho usato le Golden, sono le più adatte dopo le Goudreinet (ovvero la Bella di Boskoop, o Bella del Bosco, come viene chiamata in Italia.

E' una mela olandese che viene appunto dalla città di Boskoop, e con la quale si preparano anche altre meraviglie)



Nella ricetta originale non c'è il rhum/'whisky e nemmeno la gelatina di albicocche, sono miei personalissimi esperimenti che, una volta riusciti, sono ormai diventati regola.
A volte sostituisco la gelatina di albicocche con una cucchiaiata di crema pasticcera.

Tagliate le mele a pezzetti e mettetele in un piatto fondo.
Prendete l'uvetta, bagnatela con l'acqua, strizzatela e mettetela a bagno in un po' di rhum o whisky.
Versate il tutto nel piatto delle mele, e lasciate riposare.
Srotolate la pasta sfoglia e lasciatela nel proprio foglio di carta forno.
Con un coltello incidete la pasta in modo da ricavare sei quadrati, che andranno poi piegati a fazzoletto una volta "farciti".

In un pentolino scaldate la gelatina di albicocche con un po' d'acqua, e spennellate la parte interna dei quadrati di pasta (senza toccare i bordi, in pratica una spennellata solo nella parte centrale)

Agiungete alle mele un po' di cannella, e mescolate bene.
A questo punto, aggiungete della farina di mandorle e mescolate di nuovo bene il tutto.

Avrete notato che anche stavolta non ho messo le dosi, però indicativamente per sei Appelflap ho usato una mela intera, ed il resto tutto ad occhio. A seconda del vostro gusto potete abbondare o meno con la farina di mandorle, con l'uvetta, o con la cannella.

Mettete un paio di cucchiaiate (ma anche di più se ci sta) di composto in una delle metà dei quadrati ottenuti.
(tenete sempre conto del fatto che, una volta chiusi, avranno una forma triangolare e che dovrete sigillare bene i bordi).
Grattugiare la buccia del limone (bio, of course) sopra il composto di mele e chiudere i "fagottini"

Una volta ripetuta l'operazione con tutti e sei, spolveratene la superficie con lo zucchero di canna.

Bucherellateli con una forchetta e mettete in forno a 190° per un'oretta.







Si possono mangiare tiepidi o freddi (il giorno dopo, da freddi, sono persino più buoni!)

Buona giornata e forza BRAZIIIIIIIIIIIIIL (che gioca stasera!)

Guardate  Robinho,  Neymar, e Ganso :-DDD
 




14 comments:

  1. Molto buoni,e,considerando che oggigiorno non farei mai la sfoglia a casa,facili da farsi.
    Nota che avendo raggiunto una cara amica per gustarci la partita in santa pace (5 pinte,birra lei,orangina io)il mio primo commento e' stato: is there a swarm in the stadium?.....
    A presto

    ReplyDelete
  2. io e il calcio siamo lontani anni luce..non mi interessa ma so quanto sono buoni, perchè li ho mangaiti in loco, i tuoi appelflappen
    buona giornata

    ReplyDelete
  3. a me piaciono molto i tuoi appelflappen e me li preparo per la prossima partita davanti alla TV

    ReplyDelete
  4. i dolcetti li faro' sicuramente, ma tu devi promettermi di vderlo Maradona...non sai...e' uno spettacolo solo lui, anzi e' lo spettacolo....te lo dice una che pensa che il calcio sia un elemento chimico...
    Ah mi ero dimenticata di dirti che Bourdain passeggiava per la Villa 31 a Buenos Aires (non so se hai visto cos'e') con una testa di maiale sotto il braccio...non ti dico altro...

    ReplyDelete
  5. @ Edith: ecco appunto, is there a swarm, and a fucking big one???

    @ Paolo: è così che si fa! Mangiare in loco è tutta un'altra esperienza.
    E anche cucinarli in loco è diverso, lì potevo permettermi di far raffreddare i dolci in giardino...

    Per il calcio, immagino che noia per chi non è interessato, in questi giorni non si parla d'altro! Poveri voi :-DDD

    @ Gunther: oh sì sono assolutamente adatti per queste cose, e mi fa piacere che ti piacciano :-D
    Oh, a proposito tu per chi tifi?

    @ Glu.fri: aaaaaaaah devo cercare qualcosa, devo vedere Maradona dare spettacolo!!!!

    Sì conosco Villa 31 (solo di fama però, perché non sono mai stata in Argentina) ed è anche per questo che sto diventando matta per cercare il video.
    Aaaah devo vederlo con la testa di maiale sotto braccio!!!!!
    Appena lo becco ti faccio sapere, tanto come minimo ci scappa un post :-DDDDD
    Grazie per la preziosissima soffiata!!!

    ReplyDelete
  6. Look, you not I'm not exactly a big football fan (*), but I'm all for celebrating victories of your favorite teams with recipes like this one! :D

    The first video was funny and reminded me of Glee, and the second one got me humming on my way to the station this morning :P

    ReplyDelete
  7. Forgot the asterisk :D
    *: except when it comes to supporting Genoa! (and during the World Cup, The Netherlands and England :D)

    ReplyDelete
  8. @ Zeb: to victory with food :-DDD
    (* you're the best!!! :P)

    ReplyDelete
  9. I mondiali per te sono un vero e proprio lavoro, anzi probabilmente nell'altiforno di un'acciaieria faticheresti di meno.
    Sembrano molto buoni quegli strudel che non sono strudel ma che li ricordano molto.
    (ps. non ho ancora trovato la farina di ceci)
    (pps. anche io scendo a compromessi tra qualità e tempo e compro la pasta sfoglia già fatta)

    ReplyDelete
  10. L'altiforno del commento precedente non è una sorta di tifo ad alte temperature, ma la svista tipografica di altoforno.

    ReplyDelete
  11. @ Auramaga: di solito riesco a seguirli meglio, e di solito sono a Pescara in questo periodo e li seguiamo come andrebbero seguiti (ovvero cambiando gli orari di lavoro a seconda della partita che andrà in onda :P)
    Insomma, tutti questi "sacrifici" per potercela godere tutti assieme spaparanzati davanti alla tv con cibi e bevande varie :-D

    Ma quest'anno è un casino, accidenti!

    Ahahaha l'altiforno andrebbe brevettato :-D

    PS: la farina di ceci te la porto io ;-)

    ReplyDelete
  12. Sai che in Italia siamo tutti intercettati al telefono e se chiami qualcuno questo tuo palese conflitto di interessi sportivo potrebbe costarti la cittadinanza????
    ahahahahahaah :DDDDDD
    Mi piace parecchio l'appelflap 'calcistico' e per me che non sono un grande appassionato di suddetto "giuoco" pur seguendolo è una ottima scusa per papparmelo!!
    ;)

    ReplyDelete
  13. Ma siete dei veri professionisti!
    Allora conto su di te... uno, due, tre...

    ReplyDelete
  14. @ Gambetto: è verooooooo :-DDDDD
    (ogni scusa per pappare qualcosa di buono è sempre valida!)

    @ Auramaga: vero? :-P

    ReplyDelete