Friday, 14 May 2010

Il mistero del ragù featuring Sophia Loren, Jamie Oliver and Nigella Lawson

Avete per le mani un tot di italianissimi rompiscatole che rendono la vostra vita un inferno, e desiderate liberarvene senza dovervi sporcare le mani? Chiudeteli dentro ad una stanza e fateli parlare di ragù: si scanneranno a vicenda.



Gli italiani possono litigare fra loro per molte cose: la politica, i reality show, i vestiti indossati dalla Clerici a Sanremo, ma il massimo che riuscirete ad ottenere, è che si formino al massimo due o tre chiassose fazioni.
Invece, col ragù, non esistono coalizioni: si ottiene il massimo del risultato, e col minimo sforzo!
Qui si gioca per l'uno contro tutti, perché in Italia il ragù è sacro, ed ognuno lo prepara in modo diverso.
Ogni singola persona è infatti convinta di essere in possesso dell'unica, vera, originale, possibile, ricetta.
Perché ognuno di noi, in un modo o nell'altro, ha un motivo per ritenerla tale.

Non mi credete? Guardate qua!




Se poi nella suddetta stanza ci sono un napoletano ed un bolognese la cosa potrebbe anche complicarsi di più, perché le due ricette pur sembrando simili sono in effetti diverse, e non solo perché una utilizza la carne a pezzi e l'altra utilizza quella macinata, non solo perché alcuni utilizzano il latte ed altri no, non solo perché alcuni utilizzano la panna da affioramento ed altri il vino, non solo perche altri ancora dicono che ci voglia il vino rosso, altri invece dicono che sia essenziale il vino bianco, ma anche per mille altri motivi.

In Italia infatti, quando si parla di ragù, non contano solo gli ingredienti, ma anche gli utensili, i tempi di cottura, e persino il giorno della settimana in cui viene preparato! :-D




Così, un po' per chiarire le cose, e un po' per garantire il rispetto e la continuità di questa tradizione gastronomica in Italia, e nel mondo, nel 1982 l'Accademia Italiana della Cucina ha deciso di  depositare la ricetta originale del Ragù Bolognese alla Camera di Commercio di Bologna.
Ed ora, tutti noi ne possiamo golosamente usufruire.

Eccola qua:

Ingredienti:
(per 4 persone)

    * 300 g di polpa di manzo
       (la cartella che è la parte che divide i polmoni dalle costole)
    * 100 g di pancetta di maiale dolce
    * mezzo bicchiere di vino rosso (sangiovese secco)
    * un bicchiere di brodo di carne
    * 5 cucchiai di salsa di pomodoro (triplo o doppio concentrato)
    * 1 cipolla, 1 carota gialla ed 1 costa di sedano, (50 g l'uno, interi)
    * un cucchiaio di panna da affioramento

 Preparazione:

   1. Far soffriggere il trito di pancetta e verdure; aggiungere poi la carne di manzo tritata e, dopo una abbondante rosolatura, versare mezzo bicchiere di vino rosso (sangiovese) secco.
   2. Ad evaporazione del vino terminata aggiungere la salsa di pomodoro, sale e pepe a piacere, un bicchiere di brodo di carne e continuare la cottura a fuoco basso per un paio d'ore, aggiungendo la panna.

    * Variante moderna: sostituire cartella e pancetta, con carne di manzo più magra e di maiale (ad esempio salsiccia fresca), la panna con un paio di cucchiai di latte e soffrigendo carne e verdure in due cucchiai di olio extravergine di oliva.


Qui la variante con carne di cavallo.


Nonostante le due massime "scuole di pensiero" (bolognese e napoletana) il ragù si prepara in qualsiasi angolo d'Italia, con tutte le sue varianti, contraddizioni, tradizioni, discussioni.
Il fatto è che qualsiasi sia la ricetta, ed in qualunque posto venga cucinato, al ragù è impossibile resistere!
Caldo, freddo, del giorno dopo. E' una delizia per il palato, e non solo per il palato degli abitanti dello stivale.
Guardate un po' cosa fa Nigella Lawson, per esempio...




E guardate invece in che "guaio" si è trovato Jamie Oliver nelle Marche :-DDDD




E la ricetta di quello napoletano?

Eeeeh la cosa qui è molto meno semplice di quel che si possa pensare, e forse la poesia che  Eduardo De Filippo gli ha dedicato può aiutare alla comprensione del problema :-)


'O 'rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono:cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice?Chest' 'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola

Ecco, come dice appunto De Filippo, il ragù non è solo carne con la pummarola. Richiede una cottura lunghissima, un tegame di coccio (o creta), il cucchiaio di legno, gli ingredienti giusti, e tanta tanta pazienza ed attenzione.

Mi astengo quindi dal fare un copia e incolla della ricetta trovata in rete, perché non mi convince.
Credo che il ragù napoletano sia una di quelle cose da assaggiare in loco,  l'alternativa è farsi dare buoni consigli da Gambetto e consorte, che sicuramente ne sanno più di me! :-D

Per concludere, se ancora non siete convinti che in Italia ci si possa scannare per il ragù, date un'occhiata qua, questa è una discussione che va avanti da cinque anni, appena l'ho scoperto ho dovuto assolutamente dare il mio contributo!
Mica per altro, solo perché mi piaceva che la discussione non si fermasse al 2009 :-P

Buona giornata a tutti!

10 comments:

  1. Ahahaahaha :))
    Grande Muscaria. Cercando di essere serio per un momento, il ragù è si una ricetta ma per chi ha la cucina nel cuore come transito pulsante del proprio modo d'essere...allora in quel caso lo si può considerare il manifesto evidente dell'anima in quel preciso momento.
    Eh sì perchè scevri da contingenze personali, la scelta dei tempi e degli ingredienti ancor prima che una appartenenza regionale (che trova una considerazione marginale) disegna un modo di vivere che può passare dallo "sfizuisiello" al "serio", dallo "sciuè-sciuè" al "ricercato". Modo di vivere non in senso lato ma proprio il come stiamo vivendo in quel momento. E se questo è vero per qualsiasi preparazione lo è a maggior ragione per il ragù dove appunto la scelta delle tempistiche implica tutta una serie di considerazione che dal faceto non disdegnano di passare al riflessivo.
    Non la voglio far sembrare più seria di quello che è...ma se anche Eduardo De Filippo gli ha dedicato una poesia (molto più profonda di quello che sembra) forse non è proprio questione di "carne c' ' a pummarola"! :P

    ReplyDelete
  2. e mi pareva bene che il primo commento trovato non fosse di Mario!!! sono rimasta sconcertata dai commenti trasversali 2005 2010 con il tuo... e dalla vivacità della discussione. Ma sono d'accordo con mario che cito: " ma se anche Eduardo De Filippo gli ha dedicato una poesia (molto più profonda di quello che sembra) forse non è proprio questione di "carne c' ' a pummarola"! :P"
    Baci ragazzi

    ReplyDelete
  3. Oh,this is priceless!The best ragu' is definetely my neighbour's:1 pack of Tesco value mince,1 tin of Tesco value tomatoes,1 onion fried in margarine till still crunchy,1 tbsp of Bisto (no kidding),a splash of tabasco,a splash of Worchestershire sauce.Serve with overcooked pasta and a ton of cheddar,while stating "italian food is not all that,i prefer chinese myself.."
    As for Nigella,i always get the impression that she's a failed porn star.Maybe that's just me...

    ReplyDelete
  4. Your post is as heartwarming as a good dish of pasta and ragù... And it's hilarious! :D
    The video with Jamie Oliver was priceless and made me laugh out loud ;P Just as you, I liked the way he behaved with his nonna.

    One thing that would probably make every Italian agree (and scream profanities or cry) is our version of this recipe, that we call "sauce bolognaise" :D See, I'm pretty sure napoletani won't be offended that we didn't call it "sauce napolitaine" :))
    Don't get me wrong, it's not bad at all (I like it), but it's a distant cousin of what you call ragù ^^

    @Edith: Did you ever eat your neighbour's ragù? And survive? ;)) (you never know, maybe it's not bad!).
    Overcooked pasta is a common problem also in France. "More water in the pot, mamma!" is a motto in my house since the last time Muscaria came :D

    ReplyDelete
  5. Ma come... non chiamerai ragù quello che non sia il romagnolo spero!!
    Hai dimenticato l'influenza della luna piena, il tasso di umidità, l'acidità dell'aria, le vitamine somministrate ai principali attori (in parte maiali, in parte bovini) e importantissima, la quantità d'amore che il cuoco ci mette.
    Scherzi a parte, molti dvertente questo post!!!
    Se vuoi ottenere due fazioni fai a un emiliano e un romagnolo delle domande su tortellini e cappelletti.

    ReplyDelete
  6. @ Gambetto: la penso esattamente come te, per questo motivo mi sono astenuta dal postare la ricetta del ragù napoletano. Ne ho troppo rispetto per ridurlo ad una semplice serie di ingredienti, so perfettamente quanto cuore e passione ci si metta. E' praticamente un rito cucinare certi piatti.
    Purtroppo non ho mai avuto l'occasione di vedere Napoli (cosa che prima o poi devo assolutamente fare!) ma ho avuto invece l'occasione, e la fortuna, di assaggiare Napoli sia nei suoi piatti che nelle sue tradizioni, grazie a tre famiglie (tutte parenti fra loro) che si erano stabilite nel palazzo in cui ho vissuto per un certo periodo, quando ero bambina.
    Per cui ricordo quanti giorni di lavoro portavano via certi piatti, come per esempio la pastiera, il ragù, e un sacco di altre cose ;-)

    @ Daniela: vero che è pazzesco??? Pensa che in passato mi è capitato di leggere cose peggiori, purtroppo non sono riuscita a trovare il link. Veramente, gente che si insultava, peggio del video di Sophia Loren! :-DDD
    Vogliamo poi parlare di quella che dice che lo prepara in trenta minuti?

    @ Edith: THANK YOU so much for writing your neighbour's recipe! It is the shittest ragù recipe I've ever read!!! Ahahahahaha

    I mean, BISTO??? The man is gone!

    Tabasco and Worchestershire sauce?
    What the hell! Does the man know it is a fucking sauce and not a Bloody Mary???
    Please, check if he adds also some vodka :P
    Ahahahah the Bloody Mary Ragù! :-D

    Of course he prefers Chinese kitchen, he never tasted the Italian one :P

    PS: I think the same about Nigella, she would be perfect! :-D
    Se un giorno mai mi daranno un finanziamento come si deve giro un corto ambientato in cucina con lei (che sencondo me accetterebbe simpaticamente) e Rocco Siffredi.
    Non c'è bisogno di scene hard, basta solo che si comportino normalmente, sarebbe fantastico!


    @ Zeb: I'm happy you liked, cause I laughed like a crazy one watching Jamie Oliver in that situation :-DDDD
    Now that you talk about that "sauce bolognaise" I remember I always wanted to do a post about, and I will :P

    ReplyDelete
  7. @ Auramaga: aaaah finalmente l'altra parte del ragù è qua!!! :-DDD
    Cavolo la questione tortellini e cappelletti fra emiliani e romagnoli, mi interessa tantissimo, dovrò approfondire la faccenda :P
    Oh, a proposito, ogni anno al SIB di Rimini (ci sono andata per una vita intera) c'era da sfondarsi all'ora di cena, ma come si faceva a scegliere? Cucinate da Dio!

    ReplyDelete
  8. Io sono palermitana, quindi la mia versione non è sicuramente l'originale... e su Nigella Ho la stessa impressione, ma se giri il video, voglio esserci anche io!!!

    ReplyDelete
  9. @ Stefania: io sono sicurissima che la tua versione sia splendida! Voi siciliani fate meraviglie in cucina :-)
    Per il corto ci sto, ma solo se parli in siciliano :P
    Montalbana seiiiiiiiiiiiiiiii!!!! ;-)

    ReplyDelete
  10. Sofia Loren for president!

    ReplyDelete