Tuesday, 25 May 2010

Champs-Elysées goes green


Pic: Metro.co.uk



In occasione della Festa della Biodiversità, gli agricoltori francesi, hanno trasformato gli Champs-Elysées in un angolo di pura campagna.

Oltre due milioni di persone, in due giorni, hanno potuto visitare il viale ricoperto da ottomila zolle del peso di trecento chili l'una, ed acquistare le specialità alimentari provenienti da ogni angolo di Francia.

Lo scopo è ovviamente quellodi sensibilizzare la popolazione: far toccare con mano quanti e quali prodotti ogni regione della Francia è in grado di produrre.

Non è solo quindi un fatto "artistico-culturale-educativo", ma è anche un vero e proprio gesto di intervento e di aiuto nei confronti dell'agricoltura francese che, a quanto pare, sta attraversando un grossissimo momento di crisi.

Bella, e giustissima, iniziativa.


12 comments:

  1. Pregevole iniziativa, tra l'alro mi immagino anche di grande impatto visivo :)

    ReplyDelete
  2. Amazing!Call me a weirdo,but i almost cried.
    I want the see the same thing in Hyde Park!!!

    ReplyDelete
  3. 5.2 million? And here I was, thinking it was "only" 4.2... ^^ (bloody hell!! and they say everywhere there is no one cent left.)

    This is for sure a unique sight, and the animals are cute, except for the 2 million biped animals which I'd rather make disappear :D

    ReplyDelete
  4. @ zebulon.. except for the 2 million biped animals which i'd rather make disappear.. LOL,you are right up my street.I have a rusty chainsaw in my basement that hasn't seen any action in a while.When should we start the culling?
    xxx

    ReplyDelete
  5. Appena ho visto la prima immagine avevo pensato che fosse un ritocco fatto al computer e già mi immaginavo il seguito: Champs Eliysées con l'acqua ed aitanti ragazzotti che surfavano, Champs Elysées con la neve e giovani teppisti sullo snow board o, ancora, Champs Elysées con il parquet, tavoli apparecchiati con lunghe tovaglie bianche e la combriccola di pazzi frequentatori del tuo blog comodamente seduta a mangiare le uova scozzesi nappate con la salsina al cetriolo...

    Ed invece è un prato vero: che delusione!

    ReplyDelete
  6. non solo prato, animali, piante, ortaggi ... veramente fatto bene.... solo un gran caldo nel visitarlo (28 gradi!!!!) ed un bordello di gente.

    ReplyDelete
  7. @ Gambetto: lo immagino anche io, visto che non sono riuscita a vederlo (e nemmeno Zebulon) :-/

    @ Edith: Hyde Park would be supreme, but imagine Oxford Street... what a visual shock!!!!
    I think there is a possibility for London, after all, New York and Istanbul are gonna be the next ones ;-)

    @ Zeb: (Bloody hell yeah!!!)
    Exterminate the bipeds!
    (even Daleks are getting nervous :P)


    @ Virò: ahahhaha sei fantastica, ti adoro!!!! :-D
    Questo blog non può più vivere senza di te!

    @ Matteo: infatti, con quel caldo e tutto quel casino, andarci deve essere stato un atto di coraggio!
    Però dopo Madrid, vogliamo parlare di gradi e di bordello di gente? :P
    Aaaah, hai anche ragione, lì non c'era El Principe a rinfrescare gli animi!

    ReplyDelete
  8. @Edith: I'm ready whenever you are, just let me put some more nails on my baseball bat :)) (better if I don't take it in the metro or I would do a massacre everyday :D).

    ReplyDelete
  9. Non puoi paragonarlo a Madrid, dove , credimi, la tensione era alle stelle, ma faceva meno caldo ......

    comunque gli champs erano bellissimi....

    ReplyDelete
  10. Ne sono certa... in quelle situazioni è tutta tensione, non senti altro :-)

    Mi è dispiaciuto essermi persa gli champs...

    ReplyDelete
  11. Sono pazzi! Pazzi! Pazzi!
    Praticamente hanno realizzato la vecchia pubblicità del mulino bianco, ci pensi?

    ReplyDelete
  12. Accidenti, è vero!!!!
    Chissà se c'erano anche le famiglie fintamente felici di alzarsi alle sei del mattino??? :-D

    ReplyDelete