Sunday, 28 February 2010

Piccoli ignoranti crescono (e diventano imprenditori, doppiatori, giornalisti and so on)

Se è vero che il buongiono si vede dal mattino, qui siamo messi malissimo!
Ho fotografato al volo questa scatola di muesli perché non potevo non condividere questa chicca con voi...







Speravo lo mettessero nello stesso scaffale delle insalatissime Rio Mare con l'Isy Pil  (sì... easy peel) per fotografarli insieme, ma mica si può avere tutto dalla vita...









 Che poi 'sta pubblicità era inquietante in tutto e per tutto, ve la ricordate?
"Insalatissime Rio Mare con vaschetta ed Isy Pil, il piatto pronto da gustare che moltiplica l'appeal"


AAAAAAAARGH!!! 


Premetto che, quando sono in Italia, la televisione italiana la guardo pochissimo: anzi non la guardo proprio.
Però talvolta  la subisco e, appena se ne presenta l'occasione,  le mie orecchie non possono fare a meno di fare il loro porco lavoro.

Altra cosa che ci terrei a precisare è che non è obbligatorio parlare/scrivere correntemente una seconda, terza, o quarta lingua (ognuno è libero di vivere la propria vita come preferisce, o come può).

Tutti noi facciamo errori madornali, scriviamo cose da mettersi le mani nei capelli, che sia colpa della distrazione, della stanchezza, o che sia un errore di battitura, o una dimenticanza, non importa, siamo esseri umani e di conseguenza imperfetti. Però, da qui a farlo diventare uno stile di vita ce ne passa.

"Errare umanum est" ...sì, fino ad un certo punto.

Non è assolutamente una buona scusa quando qualcuno viene pagato fior di quattrini per fare solo quello (e lo fa male) eh sì perché allora, scusate il francesismo, mi girano le palle!

Devo anche ammettere però che se questi elementi non esistessero mi divertirei molto meno, di conseguenza, possiamo quasi considerare questi geni della glottologia post-moderna e della scienza della traduzione, come esseri funzionali al sistema.

Vado ad elencarvi una lista di cose che mi è capitato di sentire e leggere in questo periodo, e se vi state chiedendo come faccia a ricordarle tutte, beh... sappiate che quando sento o vedo cose assurde, se posso, me le scrivo o le fotografo.

Iniziamo con quello in cui mi imbatto più spesso:"Uaitenau"

Per chi si chiedesse (giustamente) di cosa diavolo stia parlando, eccovi la soluzione: è il dentifricio Mentadent White Now.


Al telegiornale nazionale invece si è parlato della capitale di  Haiti  "Portuprense"
(no comment)

In ogni caso, possiamo dire tutto, ma non che questi giornalisti non cerchino di rimanere al passo coi tempi!
E' ormai d'abitudine infattti sentirli parlare con disinvoltura di You Tube, di Facebook, e di tutto quel che riguarda Internet in tutte le sue forme.

Ed è così che senti cose come: "Blablabla su Iutubbe"

O peggio: "Blablabla su Uu-tubb" (che sembra quasi di derivazione partenopea)

E ancora: "Blablabla su Facebuc"  ("face" pronunciato come è scritto, ovviamente)

Ma ancor peggio, come ho sentito dire recentemente da una giornalista che se la tirava anche tantissimo: "Blablabla su Fisssbucche"


Poi ci sono quelle situazioni veramente fantascientifiche in cui la belloccia di turno va in uno di quei paesini in culo ai lupi ad intervistare gente semplice, di quella che cucina ancora come Dio comanda, che utilizza le mani e non sa cosa sia il robot da cucina, che munge le proprie vacche per ottenere il latte, e così via.
Insomma, stiamo parlando di quelle persone anni luce lontane da gran parte di quelle cose che noi, tutti i giorni, diamo per scontate.
E cosa succede? Che mentre la novantenne del paesino dimenticato da google maps tirava la sfoglia ignara di tutto, preparando un qualcosa che per "rotondità" poteva vagamente ricordare la forma delle crêpe, la tizia inaspettatamente ha una sinapsi ed urla:"Aaaaaaaaah ma sono come delle crepppe allora!"

Ora, dico io, da dove nasce l'esigenza tutta italiana (io prendo le distanze, I am British) di aggiungere una vocale (o persino due!) alla fine di ogni maledettissima parola appartenente ad una lingua diversa dalla nostra e che, soprattutto, finisce con consonante?

Cos'è, qualcosa di atavico?
Zio Charles (Darwin) dimmi, ci troviamo davanti ad un organo rudimentale? E' la consonante, per chi lavora in tv, un rudimento?

Oppure si tratta di paura?
Fa paura abbandonare la consonante al proprio destino? Non so...sembra brutto lasciarla lì così?

O è superstizione? Porta sfiga pronunciare le cose come andrebbero pronunciate?

Qualcuno mi dia una riposta!

Poi si lamentano che ci prendono per il culo nei film, nei giochi, etc e fanno le parodie dicendo cose tipo: "Let's-a-go"
E per forza, glielo si serve sul vassoio d'argento!

Con questo non sto dicendo che tutti gli esseri umani dovrebbero avere una pronuncia impeccabile quando parlano in una lingua che non è la loro, assolutamente no (dovreste sentire me col francese per spanciarvi dal ridere!) però mi aspetto correttezza da chi è sul piccolo e grande schermo.

Sessanta anni fa la televisione insegnava l'italiano agli analfabeti, oggi la televisione gli analfabeti li produce!

Al massimo, può insegnare l'itaGLIANO.

Un paio di giorni fa ne ho sentita una veramente interessante, credo fosse una soap, la donna A diceva alla donna B che la donna C l'aveva umiliata:

"Che vigliacca non gli è bastato umigliarmi così!"

Sono belle cose...


Ma passiamo ad Internet!

Navigando mi è capitato di leggere questa cosa meravigliosa: "Io nelle mie lasagne ci metto sempre tanta besciamm'el"

Che cos'è esattamente la besciamm'el? ...
E' un piatto di origine araba? No, vi prego, illuminatemi!

E il famosissimo uovo alla cocche! O alla coccue! Chi di noi non lo conosce? Suvvia non siate timidi!

Mi è capitato anche di leggere: "Oh che schifo a Parigi tutti mangiavano le estragots"
Cosa è un estragot, plurale estragots...????
Una via di mezzo fra l'estragon e qualcos'altro a noi ancora sconosciuto???

Ma basta stare davanti allo schermo!
Facciamo un giro fuori, per strada, potreste imbattervi in piatti dal nome davvero esotico!
Come per esempio la fantastica "Sup allo Gnon" (grazie, davvero grazie, dialogo al supermercato!)

A: "Aaaaaaaaaaaaaah che voglia di sup allo gnon con questo freddo!"

B (perplessa): "Cos'è?"

A: Un brodo buonissimo (un brodo!!! O_O) che mi hanno fatto assaggiare in Francia, non so cosa ci mettono dentro non so cosa è lo gnon.
("mettano" e "sia" sarebbero stati solo stupidi orpelli, giusto? L'attenzione è ormai puntata sull'ingrediente segreto: lo gnon!)

B (fa spallucce): Boh...sarà una di quelle cose francesi o africane... là è pieno!

+________________+

La povera zuppa di cipolle si sta rivoltando nella scodella ancora adesso!

E questo però mi fa venire in mente un ristorante in Sardegna (purtroppo questo ristorante-pizzeria non c'è più accidenti, e quello non era tempo di macchine fotografiche digitali o avrei documentato il tutto, ogni pagina di quel menù era un piccolo capolavoro!)
Ricordo che potevi scegliere fra:

- "Il Sudè di Vongole" (lascio a voi la parola perché io sono anni che cerco di dargli una spiegazione!)

- "Il Cuckiail di Gamberi"

- e "La pizza ai Wustern" (credo te la servissero nel Saloon interno, con tanto di Wurstel e birra fatti scivolare sul bancone)

Sempre in questo fantastico posto (ormai ci portavo tutti!) chiedevi 10 birre alla spina? Ti arrivava una caraffa con sa solo Dio cosa ci fosse dentro! E senza segno di schiuma alcuno.

Altro sport da praticare in questo ristorante era spiare cosa scriveva il ragazzo al momento dell'ordine.

Questo il dialogo (comprese le parti trascritte dal ragazzo):

A: Io prendo una Coca Cola
B: Anche io!
Cameriere: Allora due... c...

C: Scusaaaa!!!! Avete anche la Pepsi?
Cameriere: Sì!
C: Allora io prendo una Pepsi

Il cameriere trascrive l'ordine: 2 Cocche e una Pepis

D: Io prendo una Seven Up!

Il cameriere disorientato si guarda intorno, è decisamente imbarazzato (dovete sapere che ogni volta ci faceva una testa così sulla sua vita passata, aveva sentito alcuni di noi blaterare in Olandese e siccome aveva lavorato ad Amsterdam per un tot di tempo, quando andavamo lì ci serviva sempre lui)
Insomma, il poveretto si chiedeva "Possibile che io non conosca questa bibita avendo girato e lavorato un po' ovunque?

Il cameriere si riprende dallo shock e dice "Mi dispiace non l'abbiamo... credo di non averla mai vista qui"

D lo guarda come se fosse scemo,  punta il dito verso un frigo pieno di Seven Up ed il cameriere fra il rilassato ed il dispiaciuto per l'ignoranza di D dice "AAAAAAAAAAAaaaaaah ma volevi dire la ZUP!"

Ora... ricordate tutti come era il logo della Seven Up, right? :-D





Stendiamo un velo pietoso.



Infine, tornando al problema Tv,  c'è stata una cosa che mi ha veramente catapultato per terra.
Credo di non essere nemmeno riuscita a ridere sul momento, da tanto ero lo shock.
Mi cade l'occhio sui sottotitoli di una fiction italiana, mi spiace non so dirvi quale fosse,  so solo che ci sono dei tizi che parlano e ad un certo punto nei sottotitoli leggi:

 "Ma non starai mica pensando ad un menage a trua?"

O_____________O

A trua!!!! 

Cosa volete che vi dica?
Se agli esami per avvocati c'è stato chi ha scritto "Habbiamo", "Correzzione", "Applicazione della personalità"  (invece che esplicazione) e  "Violenza della norma" (invece che violazione)  mi sta venendo il dubbio... ma non è che quelli sbagliati siamo noi???


English Please!
You're kidding me, right? Have you seen how long it is? :-D
Well... I can even say it in short, actually.
If you wanna laugh very much, listen Italian journalists on tv, don't miss any ad, and read the subtitles if you can.
They speak fluent EnGrish and FrenG :-D

And no, the idea that Italian tv could help you improving your Italian, or, that could even teach you something, it is just a crazy idea!

20 comments:

  1. ai em not inglisc, bat i stadid latin end anscient griiik

    junior, sistematicamente pronunciato Giunior
    èureka, diventato iurìka
    summit, che ormai se non lo chiami sammit ti correggono

    E non ti conto le volte in cui "ape" è rimasta un'ape (ingraggiò una dura lotta nella gabbia dell'ape- è stata una delle frasi più inquietanti della mia adolescenza) Ah, farei anche una petizione perchè la "battery" una buona volta diventasse la "pila" e non la batteria e la "library" la biblioteca... ma da un'editoria dove il taglio del lobo di un orecchio era diventato la "lobotomia" (Il secolo XIX) ci si può aspettare molto, ma molto di peggio
    Buona domenica
    P.S. la voce più cercata dai motori di ricerca del nostro blog, per mesi interi, è stata Fastbook: già mi immagino le facce dei vari fruitori di feisbùk, quando si sono trovati davanti alla rece di uomini che odiano le donne....Come vedi, non si vive di solo pane. Ma anche di briosccce.
    PP.SS. la Zup l'avevo sentita anch'io
    PPP.SSS. temo che il sudè sia il sautè...

    ReplyDelete
  2. Ieri sera in pizzeria, ultima pagina del menu.

    "In oltre [...]"

    Abbiamo discusso a lungo su dove fosse questo "oltre" dove si potevano trovare biscotti e dolci del giorno :D


    Ricordo poi come in seconda o terza liceo, dopo aver visto in un locale le scritte (su cartelloni dietro i commessi, neanche scritto in minuscolo in un angolino...) "Milck shake" e "Ros Beef" mi ero rifiutato categoricamente di rimetterci piede :P

    ReplyDelete
  3. AHAHAHA!!! Mi hai fatto morire dal ridere.
    Certo, si ride per non piangere.
    Ma è vero che, oggi, la qualità delle trasmissioni televisive è orribilmente bassa. La gente non deve pensare. Che brutta cosa un popolo culturalmente preparato, che pensa.

    ReplyDelete
  4. "...perseverare autem diabolicum" :-)

    Come ti dicevo l'altro giorno, credo che i giornalisti qui in Abruzzo siano i maestri degli errori... Prima pensavo che fossero solo dei refusi di stampa, ma dopo "all'agghiaccio" e "All'ora" non ne sono più tanto convinto :-D

    ReplyDelete
  5. ho riso fino alle lacrime!!! Grazie

    ReplyDelete
  6. My God, I finally see the first two pictures at the same time I'm writing this ^^ My eeeeyes!! x_____x

    Ignrantus, ignoranta, ignorantum... Padre Maronno, have pity and bestow upon them the gift of speaking a foreign language, ti pregooooo :))

    (Hi Luigi :P)

    ReplyDelete
  7. Mi sono davvero divertita e, se la cosa può consolarti, sappi che quando trovo orrori (errori sarebbe riduttivo!) ortografici da pugno allo stomaco stampati nei menu o comunque in cartelli o avvisi esposti al pubblico, li faccio sempre notare...

    Nella maggior parte delle occasioni mi attiro l'ira funesta dei responsabili ma altre volte qualcuno ha dignitosamente ringraziato.

    Ora...mi sono sorte 8 560 curiosità, di cui ti espongo le prime tre: perchè Muscaria come nick? Perchè l'uovo a forma di pistola? Che bellissimo lavoro è il tuo che ti porta a viaggiare qua e là per l'Europa?

    ReplyDelete
  8. Camerieria, per me una una pizza ai wustern e una zup! sì sì, intanto mi accomodo nel saloon, anzi, nel salùnn!!

    ReplyDelete
  9. @ Ale: meeibi iu aa' not inglish bat iu spik inglish veri uell!
    Aargh junior, èureka, summit... e vogliamo parlare di medium e media?
    Io ormai sono nel caos mentale più totale perché ovviamente sono condizionata a seconda della nazionalità della persona che ho di fronte, e talvolta mi confondo pure :-D
    Così rischio di dire giunior ad un italiano e junior ad inglese!!!
    Però ogni tanto ci casco nell'accesa discussione del tipo "Ma no, è in latino, si pronuncia così!" -D

    Nooooo la lobotomia noooooooooooooo!!! :-D
    Guarda che veramente al Secolo certe volte se non sei veramente lobotomizzato (nel senso vero del termine) non ti prendono!
    Ma sto iniziando a pensare che sia requisito essenziale per parecchi posti di lavoro...

    Ahahaha avrei voluto vedere la faccia dei feisbucchiani in quel momento!

    Se la Zup l'hai sentita anche tu, vuol dire che il cameriere ora si è trasferito da queste parti, presto andiamo a cercarlo!!! :-D

    Temo che tu abbia ragione e che sia semplicemnte il sauté... speravo in qualcosa di più inquietante, anche perché ormai per me il cuckiail di gamberi è un cucchiaio con su dei gamberi ^^


    @ Tanabrus: giuro che "In oltre" mi mancava!!!
    GRAZIE!!!

    Mah... chissà... forse in questa pizzeria c'è la possibilità di attraversare una dimensione spazio temporale? Del tipo che mangi antipasto-primo-secondo lì, e poi per il dessert finisci nel ristorante parallelo? :-D

    "Milck shake" e "Ros Beef" sono due chicche.
    Anche io avrei avuto paura a tornarci :P

    @ Auramaga: ti sembrerà paradossale ma mi sa che pensavo meno quando la televisione non faceva così schifo. Ora penso molto di più, stanno ottenendo il risultato contrario :-D

    ReplyDelete
  10. @ Luigi: grazie, ora mi sento meglio! :P

    Certo che rimanere fuori "all'agghiaccio" è agghiacciante!!! E "all'ora" in questi casi cosa si fa?
    Aaaaaaargh mi fa paura persino a scriverle certe cose :P

    @ Daniela: benvenuta, di cuore!! :-)

    @ Zeb: Padre Maronnoooooo ahahahaaaaaa, he is really the right one for this :-DDD

    Nice pics eh?

    @ Virò: da oggi in poi puoi anche essere più iena, quando vedi certi errori prima li fotografi, poi glielo dici :P
    (e dopo fai vedere le foto a noi!)

    Ommmioddio le tue 8560 curiosità mi stanno facendo paura :-D
    No, a parte gli scherzi, premetto che (e questo senza offesa per nessuno) sono un po' restia a dare troppe informazioni personali se non ho la persona di fronte a me in carne ed ossa. Oppure, se proprio bisogna parlarne virtualmente, ho bisogno di un po' di tempo.
    Può sembrare un'idiozia, ma io sono fatta così :-D

    Detto questo, rispondo alle tue domande ;-)

    Perché Muscaria come nick?
    A causa dell'Amanita Muscaria.
    Funghetto delle favole, rosso coi pallini
    bianchi, e decisamente velenoso.
    Mi è sempre piaciuto, ma me me sono innamorata anche di più durante gli studi di tossicologia.

    Perchè l'uovo a forma di pistola?
    Mmmmh se leggi il mio profilo e sei una buona investigatrice lo scopri :-)

    Che bellissimo lavoro è il tuo che ti porta a viaggiare qua e là per l'Europa?

    Ecco, credimi, ho seri problemi a dare una risposta, perché mi occupo di diverse cose, insomma vado in crisi ogni volta in cui qualcuno me lo chiede :-D
    Ora ci provo eh?

    Innanzitutto non so cosa sia più giusto dire: è lavoro a portarmi in certi posti o è la vita a farlo?
    Non lo so, perché non c'è un vero e proprio confine. A seconda delle situazioni se ne sono verificate altre.
    Propendo per l'influenza delle due variabili in eguale misura.

    Molto spesso le cose si mischiano fra loro ed è difficile capire come e dove siano nate certe situazioni.
    E’ difficile per me dire quale sia il mio lavoro, quel che vedi nel profilo è la verità… scrivo, mi occupo di regia, fotografo, organizzo eventi (gran parte di questi musicali, ma anche di diverso tipo) e amo la cucina.
    Boh fate voi… a seconda della situazione svesto un panno e ne rivesto un altro.
    Non riesco ad occuparmi di una cosa sola. Ho sempre fatto più cose contemporaneamente, non riuscirei a fare diversamente, e diversamente non sarei me stessa ;-)

    ReplyDelete
  11. @ Fed:

    Interno notte, salùun

    "Una Zup e una Wustern per la signorina!"

    Ahiaiaiaaaaaaaaai wuawuawuaaaaaaaaaaah

    (soundtrack: Ennio Morricone)

    ReplyDelete
  12. @Muscaria: fico!!! ricorda a Fabrizio che quando scendi a Pescara dobbiamo farti vedere "Quattro carogne a Malopasso"

    ReplyDelete
  13. Te ne cito solo due, ma talmente meravigliose che le ho oramai adottate nel mio gergo confidenziale con gli amici: "in the frattemp" e (scritto come è stato pronunciato) "incredàibol"...

    ReplyDelete
  14. @ Fed: Non vedo l'ora!!! :-DDD
    Arrrgh se potessi teletrasportarmi arriverei adesso!

    @ acquaviva: ahahahahaaaa sono bellissime! :-D
    Grazie!(e benvenuta!)
    Guarda a me ogni tanto capitano delle cose assurde, conio parole che nemmeno negli incubi più profondi di un esperantista ubriaco potrebbero prendere forma.
    Io penso fondamentalmente in inglese (eventuali strafalcioni compresi) per cui nella mia mente la cosa funziona così: penso la frase in inglese, incosciamente avviene la traduzione in italiano e talvolta, o mi blocco perché non mi viene la parola in italiano, oppure mi escono fuori meraviglie tipo "purtroply"!

    Ovviamente volevo dire purtroppo, ma evidentemente la mia mente malata ha unito il purtroppo con unfortunately... ^^

    ReplyDelete
  15. @Muscaria: come sai anche a me capita molto spesso di uscirmene con espressioni in inglese nel mezzo di un discorso in italiano, infatti la maggior parte delle persone pensa che io sia... eccentrico!

    Stamattina, parlando con una mia ex compagna delle medie, mi è uscito un "overzealous"... e lei non mi ha guardato come se fossi pazzo, ma ha continuato tranquillamente il discorso... che bello incontrare persone come noi! :-D

    (Devo dire che abbiamo avuto la stessa ottima professoressa di inglese!)

    ReplyDelete
  16. Sì, beh, credo perché adesso stanno veramente esagerando. La maggior parte dei programmi televisivi è un'offesa alla ragione pubblica.

    ReplyDelete
  17. @ Luigi: eccome se lo so! Io e te al telefono sembriamo due posseduti :-D

    Eccentrico... glielo hai detto che sono loro che sono troppo banali? :P
    Questa tua ex compagna delle medie io la voglio conoscere!
    E anche la vostra ex professoressa :lol:

    ReplyDelete
  18. @ Auramaga: mi ci farei una maglietta con quel che hai appena scritto :-D

    ReplyDelete
  19. Voglio il nome del ristorante sardo citato!
    cosi posso recarmi da quelle parti e mettere dei fiori in situ....
    Parlando di pizza,a Londra ho visto in un menu'
    the leaning tower of pizza,no kidding!
    A presto :)

    ReplyDelete
  20. ciao,
    vediamo se trovi l'errore in questo articolo
    http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2010/10/19/news/io-non-so-nulla-di-questa-storia-2557553

    ReplyDelete