Monday, 26 April 2010

Vellutata di Zucchine, Porri e Gamberoni


Siccome non si è ancora capito se stiamo andando incontro al bel tempo, o se invece sia tutta una presa in giro e in realtà siamo ancora in pieno inverno, anche questa ricetta, non sapendo da che parte stare, ha deciso per sicurezza di tenere gli ingredienti in due scarpe.
La vellutata calda ci ricorda il freddo, ed i gamberoni,  la bella stagione.

La foto è stata fatta di corsa, ma di questi tempi, è già tanto se riesco a farmi da mangiare!




I gamberoni li ho cucinati al vapore (cuociono in meno di cinque minuti) ma potete cucinarli anche arrosto, o saltarli in padella.


Ingredienti:
(per una persona)

- 2 Zucchine

- 1 Porro

- 1 Cipolla

- 5 Gamberoni non sgusciati

- Vino bianco

- Olio EVO

- Philadelphia (o panna)

- Sale e pepe nero q.b.

[a scelta si possono aggiungere patate, o  panna, ma anche patate & panna! Io non metto nessuno dei due, però aggiungo del Philadelphia Light a fine cottura]


Per prima cosa prendete i gamberoni ancora provvisti del proprio "guscio" e mettetene da parte un paio.
Sgusciate i rimanenti gamberoni, e tenete i gusci da parte.

Adagiate sulla griglia della vaporiera i gamberi (uno col guscio e gli altri nudi) e procedete con la cottura al vapore.

I gamberoni sono cotti quando la polpa diventa bianca.

A questo punto preparate una bisque leggera in questa maniera:

Tritate finemente le cipolle e mettetele da parte.
In una padella fate tostare i gusci dei gamberi per qualche secondo insieme all'altro gambero col guscio che avevate messo da parte, aggiungete  le cipolle, il vino bianco, ed un po' d'acqua.
Cuocere per un paio di minuti mescolando col cucchiaio di legno.
Spegnete il fuoco.

Tagliate i porri a rondelle, metteli in una pentola, e soffriggeteli con olio di oliva.
Filtrate la bisque nella pentola col porro.
Ora potete buttare via i gusci (ma ricordatevi che in mezzo a questi c'è anche un gambero intero! Prendetelo e mettetelo da parte, possibilmente tenendolo al caldo)

A questo punto, se volete, potete aggiungere delle patate. Io non le metto.
Aggiungete le zucchine tagliate nella maniera che preferite, e fate cuocere il tutto.

Una volta cotto, aggiungete il philadelphia (ma voi fortunati mangiatori di altri latticini, se non avete timore delle calorie, potete farlo con la panna). Mixare il tutto col minipimer.

Versate la vellutata nella zuppiera ricordandovi di aggiungere i gamberoni sgusciati (io li lascio interi, ma potete anche spezzettarli).
Decorare con uno o due gamberi, ed un ciuffetto di panna (o di philadelphia).

La spolverata di pepe nero è ovviamente facoltativa.

Buon appetito, e buona giornata a tutti :-)

Ridateci la primaveraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!




7 comments:

  1. Yes, give them back the spring! (I don't say "us" because it's here in Paris, even if the sky is a bit threatening sometimes).

    Anyway, I want some of this soup! :P Seems yummy, without putting the diet in danger.
    Have you tried putting the last shrimps of the recipe at the last minute, so they cook directly in the soup?

    ReplyDelete
  2. Ho fatto spesso ultimamente la vellutata di zucchine ma con le cipolle di tropea e quadretti di prosciutto cotto saltato nel pangrattato in padella...adesso basta...passo alla tua versione semi estiva che tra l'altro giocando sulle consistenze e sulle temperature è perfetta anche in piena estate! Grazie per l'ottimo spunto! ;)

    ReplyDelete
  3. @ zeb: also here seems the spring finally arrived, but mmmmh can we trust it? ^^

    Yes, it is yummie and light!
    It is a good idea to let the last shrimps to cook directly in the soup, but it is also a pity not using them before, cause I used them on purpose in that way :-)
    One in the bisque to give it more flavour, and the other one is steamed and not nacked in case you wanna use it as a decoration.
    Even if at the end, I forgot to do that (ooops) and I undressed it, as you can see in the pic :-DDDD

    But you gave me a good idea, I'm gonna try also your way :P

    @ Gambetto: lo sai che adesso (primavera o no) io devo provare questa meraviglia con cipolle di tropea e quadretti di prosciutto saltato in padella col pangrattatooooooooo?
    Domanda idiota: passi i cubetti nel pangrattato, e poi li salti in padella con un goccino d'olio, o fai diversamente? :P

    PS: ma blogger funziona da schifo in questi giorni!!!

    ReplyDelete
  4. Dipende dalla granulosità del pangrattato. Se è quello che faccio io e quindi è un pò meno fine prima ungo i cubetti tutti insieme in una ciotolina e poi li passo nella panatura, altrimenti se è quello comprato aderisce più facilmente e quindi potresti evitare la pre-unzione. Solitamente faccio nel primo modo. Considera che nella vellutata io non metto affatto olio, quindi quella concessione con il prosciutto ci sta tutta ;)

    ReplyDelete
  5. Grazie!!! :-D
    Anche io di solito non metto olio nella vellutata, dipende un po' dagli ingredienti, e quando lo faccio la dose è veramente minima (e diluita con acqua) per cui posso tranquillamente non mettere olio per niente e provare i tuoi cubetti :P
    GNAM!

    ReplyDelete
  6. ça à l'air bien bon merci,bizz

    ReplyDelete
  7. Merci à toi et bienvenue, dalila :-)

    ReplyDelete