Tuesday, 2 March 2010

Deadline Food - Cibo da Deadline


Il "deadline food" è quel compagno di avventure che spesso ci accompagna lungo la strada della temuta, ed inevitabile, scadenza malefica.
E' con noi quando siamo ottimisti, quando siamo isterici, ed è con noi quando urliamo: "adesso spacco tutto".

Può essere un pacchetto di patatine king size, una flebo di caffé, una sigaretta, una birra, un pacchetto di caramelle, un sorso di idraulico liquido, qualsiasi cosa, pur che ci faccia arrivare al traguardo, sebbene con la lingua a penzoloni.



Può essere consumato prima di dedicarsi anima e corpo all'opera  (perché non c'è tempo per spignattare), può essere consumato durante (se la situazione lo permette) può essere consumato in una pausa, e persino a fine tappa, per festeggiare la fine della giornata!

Non sempre se ne sente il bisogno, talvolta l'impegno ti toglie l'appetito o ti fa totalmente dimenticare che esistono pranzo, cena, sigaretta ed idraulico liquido. Talvolta invece no.
Dipende dalle situazioni, e dai luoghi in cui ci si trova.

Che caratteristiche dovrebbe quindi avere il "cibo da deadline" per non far piangere fegato e bilancia?
La scadenza, lo sappiamo, per sua natura richiede una certa dose di sedentarietà, una certa dose di stress, e una certa dose di parolacce snocciolate così una sull'altra in differenti idiomi.
E si solito ci vuole molto di più per smaltire patatine, panini con la porchetta grondanti di maionese, etti di nutella tirati su direttamente con la mano a cucchiaio.

Possiamo quindi dire che, quando ci troviamo in questa situazione, il nostro compagno di avventure dovrebbe avere queste caratteristiche:

1) Deve mimare qualcosa di porco (patatine e schifezze varie)
2) Non deve ungere le dita
3) Deve avere un buon sapore, e possibilmente la maledettissima caratteristica: "una tira l'altra"

Così, pensando a questa cosa, mi sono ingegnata.
Quelle che vedete nelle foto non sono patatine fritte, ma mele tagliate come patate da friggere, cotte al forno.
Cotte, come potete vedere, su un foglio di carta da forno.

Sbucciate le mele, eliminate la parte centrale, e poi procedete al taglio esattamente come quando preparate le patate a bastoncino da friggere.
Quella che vedete nella foto è una mela e mezza.
(avevo una mezza mela che mi avanzava ... ^^)




In 45 minuti o poco più (dipende dal tipo di forno) otterrete una consistenza leggermente croccante fuori e morbida dentro.
Invece, se volete qualcosa di più croccante fategli superare l'ora di cottura, da fredde sono forse anche meglio! (difatti si possono poi mettere in un sacchetto e portarle in borsa con voi)
Più stretti sono i bastoncini e più croccanti vengono, quasi come le patatine.


Ricordatevi che con la carta da forno non dovete mai superare i 220°, può essere pericoloso.

Non so darvi i tempi di cottura del microonde perché non lo uso...



Buon appetito e buon lavoro! :-)

6 comments:

  1. sembrano veramente patatine fritte vere, mi piace un sacco la tua idea, visto che io faccio parte di quelloi che devono ruminare quando è sotto pressione. Mi segno la dritta, grazie :-)

    ReplyDelete
  2. devo provare, magari diminuisco un po' il quantitativo di cioccolato che ingerisco normalmente ;)

    ReplyDelete
  3. Belle: se poi le "pucciamo" nel cioccolato fondente vanifichiamo i tuoi tentativi di proteggere il fegato ma aumentiamo il potere benefico...

    ReplyDelete
  4. Great idea! A golosone like me (and a stressed one, should I add) would need this kind of healthy treat instead of the more fattening ones I often choose...

    You really fooled me with your pics, I actually thought those were fried potatoes and not apples ;D

    ReplyDelete
  5. Non avevo mai pensato ad associare un cibo particolare ad un momento stressante.
    Il caffé, certo, ma quello è giusto per stare in piedi. Le patatine al formaggio, ma ungono le dita e scrivere al computer diventa un lavoro d'equilibristi. Allora non saprei, forse io sotto stress non mangio.
    Bisogna che provo le tue mele, che detto tra noi sono stupende: la leggerezza della frutta che mette a tacere l'ingordigia dell'occhio.

    ReplyDelete
  6. @ FrancescaV: che piacere verderti qui! :-D
    Eh sì, mi sa che siamo più o meno tutti esseri ruminanti quando siamo sotto pressione...

    @ Fed: lascia perdere, che proprio oggi mi hanno regalato dei cioccolatini da urlo!!!
    Io e i miei buoni propositi :-/

    @ Virò: sei un genio del male, e questo ci piace :-D

    @ Zeb: maybe you can try with the microwave, since you have it...
    (happy I've fooled you :P)

    @ Auramaga: sto ridendo per il lavoro d'equilibristi :-DDD
    Difatti la cosa bella di queste mele (a parte il sapore che è delizioso) è che imbrogliano l'occhio senza alcun ritegno :-P

    ReplyDelete